Nota politica del gruppo consiliare Demos di Cassino

Nota politica del gruppo consiliare Demos di Cassino

Con l’arrivo del 2021, anche per il Gruppo Consilare ‘Demos Cassino’ è giunto il momento di rendere conto agli elettori del proprio operato. Dopo aver agevolmente superato la fase del noviziato, che ci ha visti alle prese con la nostra prima esperienza in politica al fianco dell’Assessore alla Coesione sociale, Luigi Maccaro, possiamo dichiararci soddisfatti dei risultati ottenuti da ‘Demos Cassino’ nella fase iniziale di questa consiliatura, anche in considerazione delle difficoltà oggettive, e soprattutto inattese, che l’emergenza Covid-19 ha opposto al regolare funzionamento della macchina amministrativa del Comune di Cassino, come d’altra parte è accaduto nel resto d’Italia e del mondo.

Prima di passare, però, all’illustrazione di quanto prodotto dal Gruppo Consiliare ‘Demos Cassino’, non possiamo esimerci dal chiarire la nostra posizione riguardo agli ultimi ‘rumors’ adombranti ‘maretta’ o fibrillazioni all’interno della maggioranza di cui ci onoriamo di essere parte attiva e integrante. Non essendoci, allo stato, alcun elemento che possa realmente far pensare a frizioni o dissapori all’interno della Giunta o fra i Consiglieri della maggioranza stessa, e nella convinzione che mere questioni tecniche fra Assessorati e Dirigenza non possano di per sé ritenersi sufficienti a incrinare il rapporto di collaborazione e di reciproca fiducia instauratosi fin dal primo momento fra il Gruppo Consiliare ‘Demos Cassino’ e il resto della coalizione di maggioranza, riteniamo di poter serenamente sconsigliare chiunque dal tentare di infilare improvvidi e aleatori ‘piedi di porco’ in crepe soltanto immaginarie, adombrate e alimentate da illusorie speranze di rivalsa.

Il Gruppo Consiliare ‘Demos Cassino’ resta fermamente convinto di dover fare ancora parte della migliore squadra di governo che la città potesse aspettarsi dal risultato elettorale della primavera del 2019, con buona pace di chi dovrà attendere la fine di questa legislatura per riproporre la propria personale e legittima visione della ‘buona politica’. Ci sembra inoltre doveroso auspicare per il futuro uno sforzo comune e trasversale volto a incentivare una migliore collaborazione fra le diverse forze politiche rappresentate in Consiglio Comunale, all’insegna del dialogo civile e al rispetto delle reciproche posizioni, nell’interesse ultimo e primario del ‘bene comune’, e non della lotta politica fine a se stessa.

Ciò detto, crediamo di poter affermare che il Gruppo Consiliare ‘Demos Cassino’ ha contribuito in modo determinante, laddove è stato presente, alla buona gestione delle molteplici attività di conduzione della ‘res publica’ che questa Amministrazione si è trovata a dover fronteggiare in un momento storico drammatico come altri mai, dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Lungi dal farci scoraggiare dalle avversità, abbiamo avviato e collaborato alla realizzazione di varie iniziative, molte delle quali già felicemente concluse, in attesa di portare a compimento quelle ancora ‘in itinere’ di cui renderemo conto nei prossimi mesi.

Di seguito, l’elenco di quanto realizzato, sia in collaborazione con le altre forze di maggioranza, sia per originale iniziativa di ‘Demos Cassino’.

Delle molteplici attività svolte dall’Assessorato alla Coesione Sociale, e dei relativi Regolamenti da noi di volta in volta presentati in Consiglio Comunale, ha già dato diffusamente notizia l’Assessore Luigi Maccaro, Coordinatore di ‘Demos Cassino’, che gode ogni giorno di più dell’appoggio e dell’approvazione incondizionata del Gruppo Consiliare ‘Demos Cassino’.

In qualità di Consiglieri Comunali, stiamo inoltre dando il nostro attivo contributo in alcune Commissioni speciali quali la Consulta per l’Ambiente, la Commissione Toponomastica, e la Commissione ‘Grandi opere’.

Abbiamo poi ideato e realizzato iniziative, spesso in collaborazione con le altre forze di maggioranza, quali la Raccolta di Pneumatici esausti, in collaborazione con l’Associazione Fare Verde di Frosinone, e vari eventi culturali: il concerto del trombettista di Ennio Morricone, il M° Nello Salza, il Progetto ‘I COLORI DELLA SCUOLA’ (video con 90 bambini che cantano una canzone sul lockdown, composta dal Consigliere Bruno Galasso su testo del noto scrittore Benedetto Tudino), la ‘Macchina delle Favole’ (storie raccontate ai bambini chiusi in casa durante il lockdown, da un’automobile itinerante in tutti i quartieri e nelle frazioni della città), la presentazione del libro ‘Le parole al tempo del Coronavirus’ di Benedetto Tudino, la presentazione e successiva Delibera di Giunta per l’istituzione del Concorso Letterario ‘Memoranda’, incentrato sui crimini di guerra, di futura realizzazione e concepito per essere gestito e organizzato dal Comune di Cassino, in co-progettazione con tutti gli Enti pubblici e privati del territorio.

Di queste altre iniziative resta memoria nell’intensa attività del responsabile di Demos Aquino, Fabio Gervasio, che ha prodotto decine di interviste sui vari argomenti e su tanti altri temi di pubblico interesse.

Fabio Gervasio è stato anche l’organizzatore e il moderatore dell’interessante Convegno Demos ‘Non abbiamo un altro pianeta… ma nemmeno un’altra città’, tenutosi ad Aquino nel febbraio dello scorso anno.

A margine, ci preme segnalare la recentissima istituzione del ‘Coordinamento Demos Provincia di Frosinone’, con ancora a capo Luigi Maccaro, che sta raccogliendo numerose e importanti adesioni in tutto il territorio provinciale, a testimonianza del nostro buon lavoro, nonché della qualità e dell’originalità della proposta del partito Demos – Democrazia Solidale, che sta crescendo costantemente anche a livello nazionale, grazie all’intensa attività del fondatore e Coordinatore nazionale, il Consigliere regionale Paolo Ciani, che ringraziamo per la fiducia finora accordataci.

Con l’invito a seguire le attività di ‘Demos Cassino’ ai vari livelli in cui stiamo operando nell’esclusivo interesse del ‘bene comune’, cogliamo l’occasione per augurare alla cittadinanza di Cassino, ma anche a tutti gli abitanti della Provincia di Frosinone, un buon anno 2021, sperando che sia migliore di quello che abbiamo appena lasciato alle nostre spalle.

Il Gruppo Consiliare ‘Demos Cassino’

Alessandra Umbaldo, Capogruppo

Bruno Galasso, Consigliere

E’ nato il coordinamento provinciale di Demos

E’ nato il coordinamento provinciale di Demos

E’ nato oggi il coordinamento provinciale di Democrazia Solidale – DEMOS della provincia di Frosinone. Un partito giovane che sta crescendo rapidamente grazie all’entusiasmo e all’impegno di tanti amici che hanno scelto la politica per dare un contributo al miglioramento della società.Un partito che vuole provare ad essere un ponte fra la società civile e le istituzioni affinché tante persone che vivono da anni l’impegno civico in tanti contesti possano scegliere di portare le proprie competenze, la propria sensibilità, la propria responsabilità all’interno della politica vissuta giorno per giorno.Ci aspettano nuove sfide che affrontiamo a viso aperto con la semplicità di chi vive la politica con spirito di servizio, senza aspettarsi niente in cambio, con il solo intento di “lasciare il mondo un po’ migliore di come l’abbiamo trovato”.Voglio ringraziare Paolo Ciani per la fiducia che ha riposto in me, ancora una volta, affidandomi la responsabilità del coordinamento provinciale di Demos.Ringrazio Mauro Buschini per la sua presenza e per le parole di apprezzamento per il nostro percorso politico dentro a quel “campo largo” più volte richiamato dal Presidente Nicola Zingaretti.Ringrazio Luca Fantini per esserci stato e per l’amicizia che ci consente oggi di riprendere un cammino iniziato insieme con i Giovani del PD. Il nostro impegno nella coalizione provinciale di centrosinistra ci vedrà al lavoro già dai prossimi giorni.Così come ringrazio l’amico Luigi Vacana per la sua presenza e per i suoi richiami alla “bellezza” della politica.Ringrazio Manuela Maliziola, Maria Grazia Baldanzi, Fabio Gervasio con i quali inizieremo la costruzione del partito a livello provinciale.Ringrazio i miei amici e consiglieri comunali di Cassino Bruno Galasso, Alessandra Umbaldo che, insieme a tutti gli amici di Demos Cassino, da un paio di anni, stanno condividendo con me la ricchezza di questa esperienza politica.E, last but not least, ringrazio l’instancabile Fabio Gui per la presenza, la disponibilità e l’amicizia.Questo 2020 non è tutto da buttare, anzi!Questo 2020, per tante ragioni, ci ha confermato che l’unica forza possibile è #laforzadelnoi

Il regalo di Francesco…

Il regalo di Francesco…

Questa ? la macchinina che mi ha regalato Francesco, un piccolo ospite della casa famiglia nella quale sono stato questa mattina perch? mi sembrava il modo migliore per celebrare la Giornata mondiale per la tutela dei diritti dell?infanzia e dell?adolescenza.

Francesco con quel gesto ha sintetizzato nella maniera pi? semplice ed efficace il clima di accoglienza, di familiarit?, di condivisione che si respira in quel posto.

Chi ? abituato a frequentare queste realt? sa bene che non hanno nulla a che fare con la solitudine o la tristezza. Forse vengono da l? ma ben presto si trasformano in storie di bellezza, occasioni di crescita, percorsi che portano bambini e ragazzi che hanno conosciuto la violenza a diventare adulti capaci di fare famiglia e prendersi cura di s? stessi senza bisogno dei servizi.

A noi tocca valorizzare la loro esperienza, avere uno sguardo capace di comprendere la fatica che stanno facendo avendo fiducia in loro, nella loro capacit? di ricostruirsi con l?aiuto dei loro operatori.

E? grazie alla fiducia che si smontano i meccanismi dell?isolamento e li si aiuta a non replicare le situazioni che hanno subito.

L?esperienza della casa famiglia ? proprio questo: un luogo di protezione ma soprattutto una finestra sul futuro, su una nuova possibilit? di vita.

Molti genitori ?trascuranti? riconoscono e ringraziano il lavoro dei servizi e delle strutture perch? grazie a questo periodo di tempo nel quale i minore viene collocato in casa famiglia, loro hanno il tempo e la possibilit? di curarsi e ricostruirsi come persone nuove.

E il gesto di Francesco, nella sua essenzialit?, racconta tutto questo. Sar? in grado di ricambiare da qui a Natale?

Presidiare il tempo libero, la sfida per affrontare le droghe

Presidiare il tempo libero, la sfida per affrontare le droghe

Pubblicata la Relazione al Parlamento del Dipartimento Antidroga

E’ un altro altro bollettino di guerra il Rapporto annuale pubblicato dal Dipartimento antidroga che ogni anno racconta le cifre con le quali l’Italia si scopre sempre pi? “dipendente”. L’appuntamento del 26 giugno quest’anno ? slittato di 4 mesi. Il primo dato in aumento riguarda le morti per overdose che da 3 anni crescono stabilmente: l’anno scorso sono morte quasi 400 persone in seguito all’assunzione di una sostanza stupefacente ma questo dato non tiene conto di tutte le morti correlate all’uso di droga come ad esempio quelle per incidenti stradali. Altro dato impressionante ? il quantitativo di cocaina sequestrata, pi? che raddoppiata rispetto all’anno precedente: 8,3 tonnellate nel 2019 contro le 3,6 del 2018. Un record assoluto.

Tra gli adolescenti resta la cannabis la sostanza pi? usata: l’anno scorso 860 mila  ragazzi hanno dichiarato di aver utilizzato almeno una sostanza illegale nella loro vita, pari al 34% degli studenti italiani.

Fin qui i dati. Agli allarmi ci siamo ormai abituati. Ai dati freddi per? si sovrappongono le tante richieste di aiuto che giungono ai nostri centri d’ascolto e che il covid non ha per niente rallentato.

Era il 12 novembre del 2000, giusto venti anni fa, quando a Cassino, nell’Aula Pacis, si celebr? il primo ed unico Forum regionale per la lotta alla droga, organizzato dall’allora assessore regionale Anna Teresa Formisano per promuovere una strategia della prevenzione coordinata su tutto il territorio della Regione Lazio. Da quel confronto nacquero tanti progetti che in quegli anni rappresentarono un argine importante di fronte alla diffusione delle droghe. Ricordo il centro di aggregazione Argonauti, coordinato dall’ottima Rita Cacciami, come pure Il filo di Arianna per la peer education nelle scuole superiori. Le unit? di strada e i primi incontri di formazione per genitori. 

Oggi il fondo di lotta alla droga ? sparito, nelle scuole si sono chiusi i CIC (centri d’ascolto per studenti), i centri di aggregazione giovanile sono spariti dappertutto insieme alla 285. A tutto ci? si aggiungono i temi dell’azzardo e dei videogiochi: il 22% degli studenti ha dichiarato di aver giocato a lotterie on line e di aver acquistato gratta&vinci mentre il 60% dei ragazzi utilizza almeno un’ora al giorno videogiochi su varie piattaforme. Per non parlare dei social: il 94% riferisce di usarli almeno 2 ore al giorno.

In tutto questo i Comuni sostanzialmente non esistono perch? gli aspetti sociali della questione sono stati completamente azzerati: non si fa pi? prevenzione, non si fa pi? reinserimento sociale. Resta la cura che ? di competenza delle Asl in collaborazione con le comunit? terapeutiche. Da quando ? sparito il Fondo di Lotta alla Droga i Ser.D. e le Comunit? sono rimasti gli unici servizi aperti. 

Eppure il disagio, il vuoto, la solitudine di tantissimi adolescenti iperconnessi abbonda nelle scuole, nelle case, sulle strade delle nostre citt?, come ? possibile che alle amministrazioni comunali non venga riconosciuto alcun ruolo? Qualche sindaco “sceriffo” ci ha provato con qualche ordinanza, qualcun altro promuovendo azioni di prevenzione a budget zero. Ma il disagio dei giovani, prima di tradursi in devianze e dipendenze, si consuma nelle nostra citt?, soprattutto nel loro tempo libero. 

Per questo ? indispensabile restituire un ruolo ai Comuni, ci vorrebbe una legge regionale che dia ai Sindaci gli strumenti per coordinare una strategia di prevenzione rivolta ai cittadini pi? giovani e messa in campo da una rete di soggetti istituzionali e del terzo settore. Ma deve essere un’azione specifica per ogni comune perch? non ? possibile che un adolescente di Acquafondata debba scendere a Cassino per usufruire di un servizio di prevenzione. E neanche pu? essere che, come avveniva negli anni ’90, i servizi di prevenzione vengano erogati solo attraverso la scuola perch? ? nel tempo libero che accadono le cose pi? importanti nella vita dei ragazzi. Possono accaderne di meravigliose ma anche di terribili. Presidiare il tempo libero, questa ? la sfida che abbiamo davanti ma serve una Regione che capisca che non si pu? continuare a rinviare. Serve una Regione che dia ai Comuni gli strumenti giusti. Servirebbe almeno un luogo dove parlare di queste cose. Se lasciamo il tema delle dipendenze al settore sanitario potremo migliorare i sistemi di cura ma oggi ? necessario recuperare energia per incrementare i sistemi di prevenzione.

Il Terzo Settore deve diventare forza politica

Il Terzo Settore deve diventare forza politica

(di Don Antonio Mazzi) ? stato superato ogni limite e, a causa di personaggi irresponsabili e borderline, la morte fisica e la depressione generale hanno ridotto l?Italia a terzo mondo

Caro direttore, noi del Terzo Settore dobbiamo diventare forza politica e smettere di fermarci alla distribuzione dei pani e dei pesci, mentre una gabbia di matti in quel di Roma non ha ancora capito che sono loro la principale causa, dopo il coronavirus, della doppia disgrazia che sta maciullando l?intera Italia. La prima disgrazia, inutile dirlo, ? la bestia che avanza a velocit? sempre pi? micidiale mentre i nostri baruffano. La seconda sono le manifestazioni in cui devastatori si frammischiano tra gli onesti e i veri colpiti dal disastro. Le due cose insieme allargano il fenomeno rendendolo, oltre che sanitario ed economico, quasi terroristico. Non sottovalutiamolo. Devono essere i sindacati per primi a capire che stanno crescendo fianco a fianco il dolore e la trasformazione del dolore in macelleria sociale. E noi del Terzo Settore dove siamo? 

Non sarebbe ora di scomodare, fregandocene di tutto e di tutti, i Palazzi delle baruffe obbligandoli a fare le dieci cose che anche il direttore Fontana ha suggerito nel giornale? Il primo a far disastri dentro il Tempio ? stato Cristo, quando ha capito che il Tempio veniva scambiato per il mercato delle vacche. E noi? ? stato superato ogni limite e, a causa di personaggi irresponsabili e borderline, la morte fisica e la depressione generale hanno ridotto l?Italia a terzo mondo. Una nazione diventata terzo mondo, perch? governata da incoscienti pi? attenti ai loro orticelli ?sacri? che ai veri campi di battaglia. Se torniamo un po? indietro nella storia, troveremo in periodi come questi preti e cattolici veri in testa al popolo, da Martin Luther King in poi. Non credo che Cristo volesse gente che accende candele alla Madonna permettendo nel contempo alla politica di giocare a chi urla e a chi offende di pi?. L?Italia vera non ? viva ma intubata e l?Italia ?dei violenti?, invece, ? pi? viva che mai. Urge vederci presto ?insieme?. Il detto ?In medio stat virtus? mettiamolo in biblioteca e teniamolo buono per, spero, tempi nuovi.

La legge di riforma del sociale compie 20 anni

La legge di riforma del sociale compie 20 anni

L’8 novembre del 2000 veniva approvata la “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali”. Fu uno dei regali pi? belli di una stagione politica entusiasmante che vide il centrosinistra unito sotto il segno dell’Ulivo di Romano Prodi.

A vent’anni da quella legge ? doveroso, almeno per chi si occupa di politiche sociali, cogliere l’occasione per una rilettura ed una verifica sulla sua attuazione.

Mi piace molto ricordare anche che uno dei relatori di quella legge fu il “nostro” senatore Lino Diana che nei suoi 3 mandati parlamentari fece onore alla provincia di Frosinone.

Per me la parola chiave di quella legge era ed ? sussidiariet?: non tanto quella verticale che ripartisce le competenze fra gli organi di governo nazionali e territoriali che sulla riforma del titolo V della Costituzione si ? un po’ arenata, quanto piuttosto per la sussidiariet? orizzontale, quella che prevede, ad ogni livello la collaborazione con il privato sociale, il terzo settore, nell’analisi dei bisogni, nella progettazione, nella programmazione e nella realizzazione degli interventi sociali.

Un sistema di erogazione dei servizi fortemente incentrato sulla relazione tra enti locali e organizzazioni non profit alle quali viene riconosciuto un ruolo rilevante.

Bisogna dire che su molti territori, fra cui il nostro, l’attuazione di questa collaborazione ? rimasta lettera morta fatto salvo qualche episodio sporadico che ? da considerarsi tutt’altro che la concertazione prevista dalla 328. 

Una legge fortemente innovativa, nata in un tempo che fu definito “primavera delle politiche sociali”, che, di fatto, nei suoi punti principali pu? dirsi tranquillamente non applicata. E invece, probabilmente, in tempo di pandemia avrebbe mostrato la sua forza e non sarebbe prevalsa la cultura dei bonus che per questo governo sono l’unica risposta ad ogni problema.

Malgrado la crisi economica del 2009 si ? dovuti arrivare al 2017 per vedere uno dei primi effetti concreti della 328, il Reddito d’inclusione, poi diventato reddito di cittadinanza. Nel frattempo l’integrazione socio-sanitaria e tutta una serie di altri temi come la salute mentale, le dipendenze, il dopo di noi, sono rimasti al palo.

Oggi ? evidente come la medicina territoriale dovrebbe essere interconnessa ai servizi sociali in una logica di welfare comunitario capace di generare interventi personalizzati. Dobbiamo restituire al sociale un ruolo importante, capace di orientare anche tutte le altre politiche, perch? il prendersi cura delle persone fa bene a tutta la societ?, promuove la partecipazione e il senso di responsabilit? collettivo. Come dice il Papa “siamo tutti sulla stessa barca”.

Purtroppo negli ultimi anni si sono fatte scelte diverse: il bonus beb? al posto dei servizi per l’infanzia, le agenzie interinali al posto delle cooperative sociali, l’intervento di cura sanitaria in mancanza degli interventi di prevenzione sociale. Oggi l’Italia spende 130 miliardi in interventi sanitari e solo un miliardo e mezzo in interventi sociali. Eppure sappiamo che un euro speso in prevenzione ne fa risparmiare 9 in interventi di cura.

Malgrado ci? i servizi sociali continuano a reggere e durante il primo lockdown hanno dimostrato una efficienza per molti inaspettata. Malgrado ci? la gente ha imparato a conoscere, ad apprezzare e a fidarsi dei servizi sociali e tutti guardano al mondo del sociale con rispetto.

A questo punto, passati i vent’anni, bisogna diventare adulti. Bisogna sostenere adeguatamente i livelli essenziali di assistenza. Bisogna vigilare affinch? la collaborazione con il Terzo settore si vera e concreta, affinch? i piani di zona siano realmente lo specchio di una concertazione e di una programmazione condivisa e non invece un documentino compilato giusto per rispettare le formalit?. Bisogna dare alle persone gli strumenti affinch? possano dare dignit? alla propria esistenza anzich? lasciarle a vita dipendenti da servizi con risorse insufficienti.

Dobbiamo ancora uscire dal pantano dell’assistenzialismo e pensare strategie nuove capaci di garantire i diritti delle persone. Era questo lo spirito della 328 e noi oggi abbiamo la responsabilit? di non rinnegarlo. Solo per fare un esempio, penso all’art. 14 della 328 che prevedeva i “Progetti individuali per le persone disabili”. Si sono trasformati in bonus economici neanche rivolti a tutti. Come a dire: non siamo capaci di costruire progetti personalizzati e allora vi diamo dei soldi. solo se avete un ISEE basso, per?!

Forse ? tempo di darci una mano fra Comuni, Asl, Universit? e Terzo settore per far s? che il sociale si senta meno solo. So che l’Amministrazione provinciale non ha pi? nessuna competenza in materia di politiche sociali ma la Regione Lazio ? troppo lontana per avviare una seria riflessione sul sistema dei servizi sociali nel nostro territorio, sulle prospettive di integrazione socio-sanitaria, sulla reale collaborazione fra pubblica amministrazione e privato sociale.

Mi domando se non si possa aprire una stagione nuova che, partendo dalla riflessione sulla tenuta dei servizi sociali al tempo del covid, in occasione dei 20 anni della 328, possa restituire centralit? alle politiche di coesione sociale. 

“Non rubate la notte ai giovani”

“Non rubate la notte ai giovani”

 Un presidio educativo per prevenire risse e spaccio

Sabato notte l’Unit? mobile in piazza con Asl e Amministrazione comunale in prima linea

Le Istituzioni scendono in piazza per stare tra i giovani. Una iniziativa fortemente voluta dal Sindaco Enzo Salera sulla quale si ? messo al lavoro l’Assessore alle Politiche giovanili Luigi Maccaro coinvolgendo l’Unit? mobile di Exodus, il Ser.D. di Cassino e il Dipartimento dipendenze della ASL di Frosinone.

Insieme alle istituzioni che da anni si occupano di dipendenze ci saranno i volontari del servizio civile e nel corso delle prossime settimane si aggiungeranno altre associazioni che hanno a cuore il divertimento notturno sano e rispettoso delle regole.

Per questo lo slogan che ? stato scelto per l’iniziativa ? “Non rubate la notte ai giovani”, per non confondere le regole con il diritto naturale dei giovani a divertirsi.

?La notte ? il luogo ideale per i ragazzi – afferma Luigi Maccaro – il momento in cui la societ? ufficiale, quella ordinata e istituzionale va a dormire e prende spazio quella che contesta, che trasgredisce, che cerca una propria identit? attraverso la sfrontatezza, mettendo alla prova i limiti propri e della societ?. ? naturale ed ? giusto che, tra i 16 e i 25 anni, sia cos??.

?Dobbiamo renderci conto – prosegue Luigi Maccaro – che la vera scommessa nella formazione dei giovani sta tutta nel tempo libero! Famiglia e scuola sono gi? in qualche modo presidiate. Si possono formare e supportare genitori e insegnanti ma il deserto educativo sta nel tempo libero. E’ l? che dobbiamo stare perch? l?, nel tempo libero, nascono i conflitti e gli amori, la noia e le passioni, le depressioni e i protagonismi?.

?Ed ? altrettanto giusto – aggiunge il Sindaco Salera – che gli adulti non si limitino a criticare, che l’amministrazione non si limiti a fare ordinanze, bisogna fare di pi?. Bisogna presidiare i luoghi del divertimento affinch? le “teste calde” capiscano che non c’? spazio per certe esagerazioni?.

“Non rubate la notte ai giovani” ? rivolto agli stessi giovani che in alcuni casi, pochissimi per fortuna, trasformano il divertimento in tragedia. ? rivolto ai gestori dei locali che vendono alcol ai minorenni, agli spacciatori che rovinano la vita di moltissimi adolescenti. ? rivolto ai bulli sempre in cerca di una rissa e a coloro che bevono fino a collassare. 

Ma ? rivolto anche ai genitori che devono avere consapevolezza che l’educazione richiede perseveranza e testimonianze positive, ? rivolto agli insegnanti che a scuola devono fornire anche competenze sociali, ed ? rivolto a tutti gli adulti che vorrebbero i giovani tutti a casa entro le 22 in modo da non doversi confrontare con il proprio compito educativo.

Questo primo passo serve ad aumentare la consapevolezza in citt? che la movida sicura ? una responsabilit? di tutti e che la comunit? locale, le istituzioni, i cittadini, il privato sociale devono fare squadra per la serenit? collettiva.

Il mondo del commercio e della cultura hanno cominciato alla grande recuperando alcune zone del centro citt? al divertimento sicuro e sottraendole al bullismo e allo spaccio. Ora servono politiche giovanili pi? dirette alla prevenzione del disagio, delle devianze e delle dipendenze. 

Sabato notte si comincia. Il presidio di piazza Labriola sar? attivo dalle 19 alle 2 di notte. Gli operatori distribuiranno gadget porta-mascherine per ricordare anche la necessit? di prevenire il contagio da covid-19 ma ci saranno anche alcol-test monouso, mascherine e materiale informativo.

Ecco perch? al referendum voter? NO

Ecco perch? al referendum voter? NO

Voto NO perch? il problema non sta nel numero dei parlamentari ma nel modo in cui vengono eletti, o meglio, nominati.

Voto NO perch? non se ne pu? pi? di questa deriva populista, demagogica e autoritaria guidata dalla Lega e dal M5S che per potersi esprimere ha bisogno di delegittimare il Parlamento.

Voto NO perch? questo ? uno sfregio alla Costituzione.

Voto NO perch? ridurre dello 0,007% la spesa pubblica italiana abbattendo la rappresentativit? dei territori in Parlamento non ha senso. Gi? sono praticamente nominati dalle segreterie dei partiti, cos? saranno sempre meno e sempre pi? controllabili da pochi oligarchi populisti.

#iovotoNO

Un pacchetto di iniziative per la tutela dei diritti delle persone con disabilit

Un pacchetto di iniziative per la tutela dei diritti delle persone con disabilit

Venerd? mattina la consegna dei nuovi mezzi e la prima corsa del taxi sociale

Il nuovo ufficio per le persone disabili dell’Assessorato alla Coesione sociale ha avviato le proprie attivit? con un pacchetto di iniziative che saranno presentate venerd? 11, a partire dalle 9.30, in una conferenza stampa presso la Sala Restagno.
Si comincer? con la consegna di due nuovi automezzi per il trasporto disabili che la ditta PMG ha fornito al Comune di Cassino grazie alla generosit? di numerosi sponsor ai quali verr? consegnato un riconoscimento direttamente dalle mani del Sindaco Enzo Salera.
Ed ? anche grazie a questi automezzi che potr? partire il servizio di Taxi sociale che in seguito all’avviso pubblico sar? gestito dalla cooperativa Arca che ha gi? la responsabilit? del Centro diurno “Arcobaleno” e che in questi mesi di chiusura causa covid sta sostenendo le famiglie degli utenti con interventi di assistenza domiciliare. D’altra parte anche il Centro di Caira ben presto dovr? utilizzare una formula pi? flessibile, un mix tra assistenza in struttura e assistenza domiciliare che consenta anche di raggiungere un maggior numero di utenti.
Nel corso dell’incontro sar? presentato anche il gruppo di lavoro per la stesura del P.E.B.A. (Piano Eliminazione Barriere Architettoniche) che vedr? nella prima fase di lavoro il censimento delle barriere architettoniche sulle quali intervenire. Anche i cittadini potranno segnalare gli ostacoli presenti in citt? attraverso un’apposita pagina del sito del Comune (vedi), gi? attiva, dove si potr? descrivere la situazione ed anche caricare delle foto.
Scritto ormai da tempo il Regolamento per la Consulta per i diritti delle persone disabili, prima di approdare in Consiglio comunale, verr? presentato alle associazioni per recepire eventuali osservazioni. Sar? un organismo di confronto, valutazione e promozione delle azioni e delle politiche in tema di disabilit?, favorendo lo scambio tra l?Amministrazione comunale e il tessuto associativo della nostra citt?.
?Desidero sottolineare – ha dichiarato il Sindaco Enzo Salera – il senso di responsabilit? sociale degli imprenditori locali, che abbinano il proprio marchio e la propria immagine ad una iniziativa sociale realizzata per il benessere della comunit? offrendo un valido supporto ai servizi socio-assistenziali comunali. Il finanziamento dei veicoli, del loro mantenimento e la realizzazione del servizio, ? infatti possibile grazie a imprese del territorio cui va il ringraziamento di tutta l’Amministrazione comunale. Tutte queste imprese hanno valori comuni e la consapevolezza che il benessere di s? stessi e della propria azienda ? strettamente legato alla comunit? nella quale vivono ed operano?.
?Ringrazio il personale dell’Assessorato per l’impegno in queste iniziative, che sarebbero partite all’inizio di quest’anno se non ci fosse stata la pandemia – aggiunge Luigi Maccaro, Assessore alla Coesione sociale – ma la vera sfida nel campo della disabilit? ? il sostegno ai caregiver familiari con aiuti economici diretti. Con il lockdown ci siamo resi conto ancora di pi? di quanto in realt? il welfare si regga sulle famiglie?.
In questa direzione va la proposta di legge regionale presentata dal capogruppo di Demos alla Regione Lazio Paolo Ciani per riconoscere, valorizzare e sostenere tutti coloro che all’interno delle famiglie si prendono cura di persone disabili o anziani non autosufficienti. Nel Lazio sono cura 750mila persone alle quali va riconosciuta la funzione indispensabile che svolgono per tutta la societ?.

La cannabis ? un capriccio e lo Stato non pu? fare cassa sulla pelle dei ragazzi

La cannabis ? un capriccio e lo Stato non pu? fare cassa sulla pelle dei ragazzi

Con il solito stile equivoco un altro drappello di parlamentari M5S ha pensato di approfittare della confusione degli Stati generali per proporre al Presidente Conte un documento finalizzato a rimettere in moto il percorso legislativo di legalizzazione della cannabis.

Non soddisfatti di aver messo i ragazzi italiani all?ultimo posto fra le preoccupazioni dell?emergenza Covid, dopo aver considerato la scuola la cosa pi? inutile del Paese, dopo aver fatto altro debito che nei prossimi anni ricadr? sulle spalle dei nostri figli, mancava la ciliegina sulla torta: la legalizzazione della cannabis per affossare definitivamente il futuro di migliaia di ragazzi.
Come se non bastassero disoccupazione e politiche esclusivamente assistenzialiste a pregiudicarne ogni prospettiva.

Ovviamente il piede di porco per scardinare quel che resta dell?impostazione educativa del Paese ? rappresentato dal colpo che verrebbe dato alle organizzazioni criminali e al maggior gettito fiscale derivante dalla vendita legale dei prodotti derivati dalla cannabis.

Questo approccio si basa sull?ammissione di un fallimento dello Stato che ammetterebbe l?impossibilit? a fare di pi? nell?azione repressiva contro la diffusione di cannabis e suoi derivati che finirebbe per abbandonare tale fronte al fine di liberare uomini e mezzi per contrastare altri fenomeni criminali, evidentemente ritenuti pi? importanti.
Come a dire: ?E? una guerra che stiamo perdendo, arrendiamoci e dedichiamoci ad altri fronti?.

Ovviamente nella presentazione di questa ipotesi non si fa nessun cenno all?incremento dei consumi di cannabis che si potrebbero registrare in seguito all?approvazione della nuova normativa. Nessuna considerazione sugli aspetti non utilitaristici di un simile intervento normativo: al di l? dell?ipotizzato maggior gettito fiscale e dell?ipotizzato colpo agli interessi della criminalit? mafiosa, visto che la droga fa male – e questo ? un dato oggettivo che include la cannabis -, quanto male far? lo Stato ai suoi giovani offrendo loro lo sballo ?legale??

Immaginare che all?indomani di questo provvedimento i consumatori di cannabis smettano di rivolgersi al mercato illegale ? semplicemente un?illusione. Infatti il carico fiscale inciderebbe sul prezzo del prodotto-cannabis provocando una diversa offerta fra mercato nero e mercato legale. Il prezzo finale del prodotto sul mercato finale si andr? a comporre sommando:

  • i costi di produzione – che certamente non saranno concorrenziali rispetto ai costi di produzione dei paesi del terzo mondo con manodopera ad esempio non contrattualizzata.
  • il profitto dell?operatore commerciale che effettuer? la vendita;
  • il carico fiscale che, solo per fare un esempio, nel caso delle sigarette ammonta al 75% del prezzo di vendita, che generer? un prezzo finale insostenibile per i consumatori abituali.

Consumatori abituali, persone dipendenti da sostanza stupefacente, tossicodipendenti.
I quali continueranno a scegliere il mercato illegale capace di soddisfare i propri bisogni a prezzi certamente pi? contenuti.

Quel che resta dunque degli ?introiti? derivanti dalla vendita legale di cannabis andrebbe infine confrontato con la maggiore spesa sociale e sanitaria derivante dal sicuro aumento dei consumatori.

L?abbiamo visto sia con il fumo che con il gioco d?azzardo. Mentre con il fumo, norme pi? restrittive e maggiore consapevolezza sulla dannosit? hanno generato una diminuzione dei fumatori, nel gioco d?azzardo la legalizzazione, gli scarsi controlli sul gioco dei minori, la pubblicit? sconsiderata hanno provocato un aumento dei giocatori e dei giocatori patologici.

Con la cannabis sarebbe la stessa cosa. Inoltre, venendo meno lo stigma sociale, anche il primo approccio con la sostanza stupefacente sarebbe molto pi? facile: la si trova in vendita legalmente ed ? pure controllata?

Anche solo un aumento del 20% degli attuali consumatori di cannabis (500.000), significa migliaia di persone in pi? da curare presso SerT, Comunit?, Centri per la Salute mentale, per non parlare di altri problemi come quelli legati all?apparato respiratorio e ai tumori.
E per non parlare del riflesso, anche economico, sulla societ? intera di queste migliaia di persone che diventano inattive.

Secondo i dati riportati nell?ultima Relazione al parlamento i giocatori d?azzardo patologici sono oggi oltre 1 milione. Se si considerano quelli problematici si arriva a 2 milioni di persone. E questo ? il risultato della operazione di legalizzazione del gioco d?azzardo.

Ma al di la di questo noi siamo contrari a questo disegno di legge perch? si da degli obiettivi sulla pelle dei ragazzi italiani, delle persone pi? fragili, di coloro ai quali invece si dovrebbe offrire ben altro: lavoro, universit?, opportunit? di costruirsi un futuro.

La cannabis ? un capriccio: accettare questo tipo di approccio da parte dello Stato sarebbe tremendo. Lo Stato che sfrutta la debolezza dei propri cittadini per fare cassa. Cos? come gi? avviene oggi per il gioco d?azzardo!

Invece noi aspettiamo:

  1. che venga convocata una conferenza nazionale antidroga per confrontarci su questi temi
  2. che venga rimesso in moto di dipartimento nazionale antidroga con una direzione politica e tecnica
  3. che venga riconvocata la consulta nazionale degli operatori delle dipendenze
  4. che si abbia il coraggio di avviare un?azione restrittiva sul gioco d?azzardo come ? stato fatto negli anni 90 per il fumo al fine di contenere i danni che stanno dilagando.
Chiude il Civico sociale: come cambia l’economia non profit

Chiude il Civico sociale: come cambia l’economia non profit

Due realt? sociali importanti, La Piccola sosteria della coop. La Tana e il Civico Sociale della coop. I Naviganti hanno deciso di non riaprire in seguito alla pandemia, ai lunghissimi tre mesi di chiusura e alle nuove regole che per motivi diversi abbassano notevolmente la sostenibilit? economica di queste imprese sociali.

La citt? di Cassino rischia di perdere due occasioni importanti, due punti di riferimento per centinaia di persone che hanno scelto di vivere, di comprare, di mangiare, di stare insieme in maniera differente, mettendo al primo posto valori che in certi luoghi, oltre che professati possono essere anche praticati. Ma io credo che sia possibile trasformare questo rischio in una opportunit?, solo se insieme, al di l? delle parole, saremo in grado di lavorare fianco a fianco per inventare strade nuove.

In tanti abbiamo manifestato la solidariet? e l’affetto a Paola Lucchetti, a Simona Di Mambro e a tutti i cooperatori che insieme a loro hanno scommesso su un’avventura imprenditoriale e sociale allo stesso tempo ma nella doppia veste di cooperatore e di amministratore sento il dovere di guardare avanti, coltivare speranza e avere fiducia nel futuro. 

Sono passati ormai vent’anni da quando insieme ad altri educatori abbiamo fondato la cooperativa sociale di Exodus e so molto bene cosa significa contemperare l’attivit? produttiva e l’inserimento lavorativo di persone fragili, il pagamento degli stipendi, delle tasse come fa qualunque impresa e la dimensione sociale, la sostenibilit? ambientale, il rispetto dei valori.

E non ? vero, come purtroppo molti pensano che le imprese sociali, in quanto onlus, hanno costi di gestione pi? economici: il risparmio fiscale derivante dall’inserimento lavorativo di un soggetto svantaggiato ? identico, qualunque sia il tipo di impresa che lo assume.

Piuttosto, quello che ? mancato probabilmente finora, ? un sentire comune, una condivisione che faccia sentire meno soli in un tempo di crisi, o meglio, di cambiamento. E’ per questo che abbiamo gi? fatto delle riunioni con alcune cooperative sociali, tra cui la Tana e I Naviganti, per iniziare costruire una strada comune, da percorrere insieme, per promuovere l’economia sociale sul nostro territorio. 

D’altra parte, specialmente in questo momento, la via pi? saggia per la ripartenza economica ? quella del non profit, che gi? nel pieno della crisi dopo il 2009, ? stato l’unico settore che ? cresciuto in termini di produzione e di occupazione: oggi bisogna salvaguardare la sopravvivenza delle imprese e dei posti di lavoro e il concetto di profitto andr? probabilmente riconsiderato.

Quale pu? essere oggi il compito di una Amministrazione comunale? Si pu? riassumere in una sola parola: co-progettazione. Dentro questa parola c’? una visione, quella secondo la quale il Terzo settore ? un segmento importante dell’economia locale che produce beni, servizi e occupazione e in quanto tale va promosso e valorizzato all’interno di un sistema economico complesso. C’? una missione che l’ente locale deve sentire propria ed ? quella di sostenere le imprese sociali attraverso partnership operative nei confronti della Regione o dell’Europa attraverso la partecipazione a bandi e avvisi pubblici per il reperimento di risorse. C’? uno stile improntato alla ricerca della pari dignit? fra pubblico e privato sociale perch? ad obiettivi comuni si concorre con uno sforzo comune. C’? infine e soprattutto l’idea che “fare sistema” significa rimboccarsi le maniche, spogliarsi dei ruoli, condividere sofferenze, sogni e progettualit?.

L’economia sociale della nostra citt? pu?, e dovrebbe a mio avviso, fare un salto di qualit? ma lo dobbiamo fare insieme: due decenni di gavetta ormai sono sufficienti per co-progettare uno spazio d’azione che veda le cooperative sociali come avamposti dell’economia che verr?, economia che non potr? pi? fondarsi sul profitto ma sulla condivisione. E sulla condivisione c’? tutto il tema dei beni comuni, a partire da quelli confiscati alla criminalit? organizzata per arrivare agli spazi pubblici non utilizzati o a quelli utilizzati parzialmente.

Immagino ad esempio che il Civico sociale potrebbe rivivere all’interno dell’ex pub Highlander nel quartiere Colosseo, diventare luogo di reinserimento per donne vittime di violenza ospiti di una casa rifugio, in una logica di integrazione capace di ampliare la percezione della propria esperienza imprenditoriale come bene comune. Cos? come immagino che la coop. la Tana potrebbe svolgere un ruolo fondamentale nella riconversione al biologico delle mense scolastiche.

Le cose cambiano, i tempi cambiano, i bisogni cambiano, le condizioni cambiano. Inutile cercare di convincere Simona a non chiudere il Civico sociale perch? oggettivamente sono venute meno le condizioni ed oggi bisogna avere la capacit? di reinventare quell’esperienza, con gli stessi obiettivi ma con modalit? diverse, condivise in una logica ri-generativa. Non possiamo piangerci addosso, dobbiamo rimboccarci le maniche e dobbiamo farlo insieme.

Ciociaria Oggi, 28 maggio 2020
Il mio intervento al Consiglio comunale del 15 maggio 2020

Il mio intervento al Consiglio comunale del 15 maggio 2020

Consiglio Comunale del 15 maggio 2020

Io credo che esistano due modi di fare politica: il primo consiste nell’adoperarsi per trovare soluzioni a beneficio di tutti i cittadini, il secondo consiste nel trovare soluzioni a problemi individuali di singoli cittadini.

Nel primo caso il consenso si guadagna esclusivamente sulla base dell’opinione pubblica,  nel secondo caso il consenso si guadagna sulla base della relazione personale fra il cittadino che ha avuto bisogno di una soluzione e il politico che si ? adoperato per trovare quella soluzione.

Non si pu? negare che nel secondo caso, in campagna elettorale, il politico che ha l’abitudine di risolvere problemi personali a singoli cittadini terr? bene in evidenza la lista dei cittadini per i quali si ? adoperato per risolvere il problema personale che avevano.

Ecco io credo che noi ogni giorno abbiamo davanti queste due possibilit? e possiamo scegliere tra l’impegno per le soluzioni individuali e l’impegno per le soluzioni collettive. Questa ? una cosa che riguarda tutti noi, nessuno escluso.

Don Lorenzo Milani, nel libro “Lettere ad una professoressa” scrisse: “Ho imparato che il problema degli altri ? uguale al mio. Sortirne tutti insieme ? politica. Sortirne da soli ? avarizia”. 

Ecco, noi dobbiamo trovare soluzioni che riguardano tutti i cittadini e garantire l’accesso a quelle soluzioni per chi ne ha bisogno.

Le racconto e Vi racconto un episodio che ? emblematico di una situazione che la nostra Amministrazione si ? incaricata di cambiare radicalmente. Nelle prime settimane di lavoro come Assessore ho chiesto di vedere la parte del Bilancio che riguarda i Servizi Sociali. Eravamo credo verso la fine di luglio. Una delle voci riguardava un fondo per sostenere persone in difficolt? nel pagamento delle bollette e ammontava a circa 12 mila euro. Ho domandato quanto ci fosse ancora disponibile dato lo stanziamento e dato il fatto che eravamo gi? praticamente ad agosto. La risposta ? stata “I 12 mila euro sono tutti l?, non abbiamo usato niente”. E come ? possibile? Mica le bollette si pagheranno solo nel secondo semestre? Volete sapere la risposta? “Eh, Assesso’ che volete, prima veniva sempre qualche consigliere che accompagnava qualche persona in difficolt? e noi, verificato lo stato di bisogno, gli pagavamo la bolletta. Poi, a febbraio ? caduta l’Amministrazione e quindi non ? venuto pi? nessuno, perci? i soldi stanno ancora l?“.

Ecco io credo che in un paese civile se c’? un budget per pagare le bollette, si dice pubblicamente, si fa un avviso pubblico, i cittadini fanno la domanda, si stila una graduatoria e si danno i soldi. I consiglieri comunali non si possono sostituire agli assistenti sociali. Anche perch? poi gli assistenti sociali non fanno campagna elettorale, mentre i consiglieri si. E non ? bello approfittare della condizione di bisogno di un cittadino per consolidare una relazione che poi si potrebbe trasformare in un voto.

Per questo il lavoro di intermediazione che lei si ? preso la briga di fare nella presentazione delle domande per i buoni spesa ? stato giudicato male. Sin dal primo momento abbiamo detto che non avremmo accettato intermediazioni nella presentazione delle domande, men che meno da parte di politici e consiglieri comunali.

C’? anche un altro motivo: la normativa prevede che i buoni spesa sono destinati alle persone in carico ai servizi sociali mentre per i nuclei familiari NON in carico ai servizi sociali, gli uffici devono provvedere a prenderli in carico. Per prendere in carico un nucleo familiare bisogna instaurare una relazione con esso. Fare domande, ascoltare risposte, conoscere la storia, la situazione economica, gli effetti che la pandemia ha provocato su quel nucleo familiare come la perdita di lavoro o l’insorgenza di malattie, l’eventuale presenza di minori e tante altre cose.

Dunque ognuno faccia il proprio mestiere: per aiutare le persone nei loro problemi personali ci sono gli assistenti sociali. Per elaborare le strategie di sviluppo di una citt? ci sono i politici. Bisogna solo scegliere da che parte stare perch? fare le due cose insieme poi in campagna elettorale si genera una confusione a mio avviso poco rispettosa della dignit? delle persone che in nessun modo devono sentirsi obbligate nell’espressione del proprio voto elettorale.

Un’altra cosa la voglio dire a proposito dei Volontari visto che lei per conoscere i nomi delle 83 persone che hanno dato la disponibilit? a partecipare alle attivit? del servizio “CassinoRisponde” ha fatto addirittura una richiesta di accesso agli atti. Io credo che i consiglieri, soprattutto quelli della minoranza, abbiano il diritto di conoscere gli atti amministrativi per verificarne la correttezza, la trasparenza e quant’altro. E noi della maggioranza vi ringraziamo per questo lavoro di controllo perch? cos? se facciamo degli errori voi ce lo segnalate e noi evitiamo di finire magari in Procura come purtroppo ? accaduto nel passato recente.

Ma la lista dei nomi dei volontari a cosa le serve lei lo dovrebbe spiegare, dovrebbe dire in quale modo conoscere quegli 83 nomi le sar? utile a verificare la correttezza dell’operato di quest’Amministrazione. Perch? se lei non lo spiega, e nella sua istanza di accesso agli atti lei non lo ha spiegato, allora si pu? pensare di tutto. Si tratta di informazioni personali, per me ? una gravissima violazione della privacy che nulla ha anche fare con il giusto compito di controllo che spetta alla minoranza.

Io credo che non si sia mai verificata nella nostra citt? una mobilitazione cos? importante e generosa da parte di volontari singoli, non associati, e di associazioni e organizzazioni di volontariato che si sono messi a disposizione dell’Amministrazione comunale per aiutarci a fronteggiare le necessit? dovute a questa pandemia.

Come sapete sono cresciuto nel mondo del volontariato e conosco bene la prudenza con la quale i soggetti del volontariato si avvicinano alle Istituzioni nella preoccupazione che la politica possa in qualche modo voler utilizzare la genuina disponibilit? di chi vuole mettersi al servizio della collettivit?.

Questo ? il motivo per cui io ho sentito e sento la necessit? di proteggere la serenit? e la privacy dei volontari nel momento in cui un politico, nell’ambito della sua legittima attivit? di controllo sull’operato della maggioranza, utilizza lo strumento dell’accesso agli atti per conoscere l’identit? delle persone che – mettendo a rischio la propria salute – hanno scelto di servire la collettivit? collaborando con l’Assessorato.

I Volontari si sono avvicinati perch? si fidano di questa amministrazione e questa amministrazione ha il dovere di proteggerli. Far circolare elenchi nominativi senza nessun motivo trovo che sia lesivo della dignit? dei volontari stessi. 

Ci? che invece ho detto e che voglio confermare in quest’Aula ? che i politici devono avere grande rispetto per i Volontari, oserei dire ammirazione nei confronti di persone che hanno uno spirito di servizio, di dedizione al bene comune, di generosit? nei confronti del prossimo, che agiscono in maniera disinteressata e che vivono valori che nel mondo politico forse sono pi? facilmente dimenticati. Bench? Paolo VI parl? della politica come della forma pi? alta di carit?.

Quindi se lei consigliere Evangelista deve fare attacchi – per fare in modo che i giornali si occupino di lei – attacchi pure il sottoscritto ma lasci stare i volontari.

Il senso della politica per il volontariato

Il senso della politica per il volontariato

L’INCHIESTA, 18 APRILE 2020 – ?Sono entrato in politica anche per dire ai politici di alzarsi in piedi quando passano i volontari!?. ?Penso che dovremmo aprire la Villa comunale ai bambini con ingressi controllati e su prenotazione?.

Intervista di Lorenzo Vita

?CassinoRisponde? rappresenta un modo completamente nuovo di affrontare i problemi sociali. Qual ? il vero significato di quest?esperienza ?

Credo molto nella necessit? di produrre innovazione sociale attraverso l?esperienza sul campo e attraverso l?integrazione degli approcci. Problemi complessi hanno bisogno di risposte articolate. Perci? era necessario mettere insieme la professionalit? del servizio sociale, la passione del volontariato e la responsabilit? di imprese e cittadini. Abbiamo dimostrato che la solidariet? ? pi? contagiosa del virus. Quando una citt? sa fare squadra pu? affrontare qualsiasi crisi! Voglio sottolineare che il lavoro degli assistenti sociali nella valutazione delle richieste ? stato veramente egregio. Grande professionalit? unita a una sensibilit? per i problemi delle famiglie hanno prodotto i risultati che sono sotto gli occhi di tutti. Malgrado le condizioni di lavoro non siano delle migliori: 7 assistenti sociali e altri 6 dipendenti per un totale di 13 operatori stipati in 3 stanze con strumenti informatici medievali. Purtroppo il Consorzio dei Servizi Sociali ci ha gi? avvisati che luned? termineranno il loro servizio alcuni operatori e ci ritroveremo di nuovo con la solita gravissima carenza di organico. Ricordo che per legge Cassino dovrebbe avere 8 assistenti sociali (1 ogni 5.000 abitanti) invece ne ha uno solo pianta organica). Malgrado ci?, umore e motivazione ai massimi livelli. 

La citt? in queste settimane ? ricca di iniziative solidali di ogni genere, questa ? la Cassino che le piace?

Esattamente. Ognuno ha dato un contributo ed ? in corso una gara di creativit?, una rincorsa al bene che ha sorpreso piacevolmente tutti. Finanche un?asta solidale, la pregevole iniziativa delle Associazioni ?Cassino per la Pace? e ?Pentacromo? che hanno come obiettivo raccogliere 5.000? dalla vendita di opere d?arte da devolvere al fondo di CassinoRisponde. Questa ? la coesione sociale che ci eravamo dati come obiettivo quando ci siamo insediati. Ora la sfida ? mantenerla viva anche quando la pandemia sar? finita. 

E come?

Ho proposto al Sindaco di costituire una Fondazione di partecipazione, come ne esistono tante, soprattutto al nord: un ente non profit che metta insieme Comune, Terzo settore e Imprese socialmente responsabili, dalla Banca all?assicurazione all?azienda manifatturiera. Alcuni imprenditori hanno gi? mostrato interesse per questa ipotesi. Sono convinto che potrebbe dare frutti che oggi neanche immaginiamo, tra cui anche posti di lavoro per i giovani laureati della nostra Universit?. 

Malgrado tutto questo non mancano mai le polemiche: il Consigliere Evangelista ha formalizzato una richiesta di accesso agli atti… 

? suo diritto. Mi dispiace che sia circolata la notizia, non avrei voluto: so che devo lavorare e che sar? giudicato per quello che produco, non rispondo alle polemiche se non con i risultati del mio lavoro. Per me lui come chiunque altro pu? vedere tutti gli atti amministrativi che vuole ma quando ho visto la richiesta della lista dei volontari ho perso la testa. Ci sono persone, soprattutto ragazzi, che mettono a rischio la loro salute per servire la propria comunit?, con passione e abnegazione. E dovrebbero finire per questo nelle liste di proscrizione di un politico? ? una roba da matti. Queste persone vanno protette, sono volontari, la politica deve avere profondo rispetto e gratitudine nei loro confronti. Sono entrato in politica anche per questo, per dire ai politici di alzarsi in piedi quando passano i volontari! Ho chiesto alla Asl di eseguire i tamponi al personale dell?Assessorato e ai volontari, visto l?alto numero di persone con cui stanno entrando in contatto. Marted? mattina si comincia con il primo gruppo che si recher? per questo a Frosinone. Naturalmente i volontari sono tutti assicurati con una polizza specifica anti-Covid. 

Si dice che ? gi? al lavoro con alcuni collaboratori sulla ripresa delle attivit? normali, la fase 2. Cosa bolle in pentola?

Sono convinto che  ciascuno di noi debba impegnarsi oggi per la ripresa che ci sar? domani. Bisogna programmare adesso in modo da essere pronti quando ci sar? il via libera. Io per esempio ho tre figli piccoli che soffrono molto il non poter vedere i loro amici e so che questo ? il disagio di tutti i bambini e i ragazzi della nostra citt?. Penso ad esempio che dovremmo aprire la Villa comunale e consentire ai bambini di passeggiare con i loro genitori. Con tutte le cautele del caso: ingresso su prenotazione a numero chiuso con personale di sorveglianza e con animatori capaci di promuovere attivit? e giochi che non implichino il contatto ravvicinato. Penso che gli scout sarebbero perfetti per questa attivit?. Non so dire quando questo sar? possibile, non lo decido io anche se spero che quel momento arrivi presto. Ma dobbiamo prepararci adesso, programmare attivit? nuove, diverse dal passato, soprattutto per i bambini e per gli adolescenti che stanno pagando un prezzo altissimo e ingiusto. 

Riprenderemo l?esperienza del progetto ?Citt? dei ragazzi? avviato a ottobre scorso e la Villa comunale sar? un centro propulsore di attivit? di aggregazione educativa. Per uno o forse due anni nulla sar? pi? come prima ma questo non significa che staremo chiusi in casa. La ripresa dovr? trovarci pronti. Ci stiamo gi? lavorando.

Iscriviti alla newsletter

[mailpoet_form id=”1″]

La solidariet? al tempo del Coronavirus

La solidariet? al tempo del Coronavirus

L’INCHIESTA 22 MARZO 2020

Luigi Maccaro, assessore alla Coesione sociale, ha messo in campo in questo periodo di inaspettata emergenza una vera e propria ‘unit? di pronto intervento’ di?volontari. La lunghissima esperienza nel Terzo Settore lo ha abituato ad affrontare i problemi in maniera diretta, velocizzando i passaggi burocratici e, soprattutto, agendo non in modo individuale, ma in rete. Una modalit? ancora non diffusa abbastanza.
Vediamo come.

L’assessorato ? in campo da giorni con diverse iniziative a sostegno delle fasce pi? deboli e sole in casa. Com’? la situazione?

?Con la chiusura delle scuole del 5 marzo era chiaro che la situazione era ormai serissima. Tra sabato 8 e domenica 9 marzo mi sono consultato prima con alcuni capi scout, poi con il Sindaco e abbiamo deciso di provare a mettere in piedi una task force di volontari in grado di collaborare con il personale dell’Assessorato per andare in aiuto delle persone pi? fragili, gli anziani innanzitutto, con una serie di iniziative che ormai conoscono tutti: spesa e farmaci a domicilio per chi ? solo e non pu? uscire, monitoraggio anziani soli attraverso telefonate, raccolta alimentare straordinaria per famiglie bisognose, assistenza psicologica in collaborazione con la Asl e assistenza agli stranieri a partire dalla traduzione in 15 lingue delle disposizioni anticontagio del Governo. I servizi funzionano da due settimane a pieno ritmo?.

Quanti volontari operano sul campo e di cosa c’? bisogno realmente per offrire un aiuto?

?Luned? 9 marzo nel pomeriggio avevamo gi? ricevuto circa 30 disponibilit? attraverso la mail volontari@cassinosociale.it. Ad oggi abbiamo oltre 50 disponibilit? ma non riusciamo ad attivarle tutte perch? non abbiamo lo spazio fisico per far lavorare le persone. L’Assessorato ha a disposizione solo 3 stanze e questo ? un altro problema serissimo che deve essere risolto al pi? presto: abbiamo bisogno di spazio.

I volontari sono la cosa pi? bella di questi giorni. Persone pi? o meno giovani che con discrezione, quasi in punta di piedi, lontani da microfoni e telecamere ma vicini a persone sole, anziane, ammalate portano beni di prima necessit? o fanno loro un po’ di compagnia al telefono. Il Comune – e lo dico con vergogna – non ? riuscito a garantire loro neanche una mascherina, ognuno si ? arrangiato ma nessuno si ? lamentato, a differenza di qualche impiegato comunale. Il volontariato continua ad essere una colonna portante della nostra societ? ed un ausilio irrinunciabile per le pubbliche amministrazioni spesso ingessate da mancanza di fondi, di personale e da eccesso di burocrazia.

Per dirne una: alcuni cittadini mi hanno contattato per chiedermi se potevano fare offerte in denaro per le famiglie pi? disagiate. Ebbene, dal 13 marzo ancora non si ? riusciti a predisporre gli atti per poter ricevere queste donazioni su un conto corrente dedicato. Confido che ce la faremo sperando che non sar? troppo tardi per qualcuno?.

Come cambia la solidariet? delle persone nel tempo del virus?

?Siamo tutti abituati a parlare del bene comune. In questi giorni ci tocca parlare di un male comune perch? il virus ? un male che riguarda tutti. Ed ? cos? che riscopriamo la nostra fragilit?, sentiamo che poi alla fine non ? vero che siamo cos? forti come vogliamo far apparire e che abbiamo bisogno degli altri. La fragilit? ? la cosa pi? potente che abbiamo perch? ci mette in moto le risorse migliori: la sensibilit?, la pazienza, la cura dell’altro. La fragilit? ? la radice della solidariet?, cio? non aiuto il prossimo perch? sono bravo, aiuto il prossimo perch? mi fa bene e nell’aiuto reciproco si realizza la vera vocazione dell’umanit?. Dobbiamo cercare, anche in questo frangente cos? doloroso per il Paese, quella ricchezza umana che spesso dimentichiamo a causa dei nostri pregiudizi. Il virus ? una ferita profonda ma pu? avere un effetto collaterale positivo se lo sappiamo cogliere?.

Stranieri, emarginati, senzatetto. Di loro non si parla pi?. Sono tornati ad essere invisibili?

?Sono gli ultimi tra gli ultimi e anche il motivo per cui dovremmo essere molto pi? operativi e direi anche coraggiosi nelle scelte. Proprio ieri si ? presentato un caso di un senzatetto che per motivi di sicurezza non poteva essere accolto in una struttura. Bisogna inventare soluzioni nuove come al tempo in cui il Consorzio aveva l’unit? mobile del progetto Clochard o come a Exodus dove abbiamo predisposto dei locali per la quarantena?.

A proposito di Exodus, come sta vivendo questo periodo?

?La comunit? funziona regolarmente ma a porte chiuse. Abbiamo sospeso tutte le altre attivit? e predisposto un protocollo per i nuovi ingressi che dovranno sottoporsi ad un periodo di isolamento rispetto al resto della comunit?. Per il resto niente visite dei familiari, sospese tutte le attivit? esterne per il reinserimento sociale e in cascina non pu? entrare nessuno. Gli operatori non impegnati nelle attivit? di riabilitazione con i tossicodipendenti sono in ferie o in cassa integrazione. Per i ragazzi non ? facile, in compenso sentono i familiari via skype pi? spesso. I nostri educatori, tutte le mattine vanno sul posto di lavoro, nonostante le paure e sprovvisti di qualsiasi protezione, con professionalit? e passione, facendo spesso doppi turni per coprire altri colleghi pi? fragili, pi? a rischio?.

Le politiche sociali al tempo del virus: quali criticit? ritiene siano prioritarie in questo momento?

?In Assessorato ci siamo organizzati per non chiudere il servizio anche se alcuni assistenti sociali lavorano anche da casa. Certo, se avessimo avuto le cartelle sociali informatizzate che sto chiedendo dal primo giorno che ho messo piede in Assessorato, sarebbe pi? facile continuare a seguire in remoto le famiglie fragili, i minori a rischio, le persone socialmente pi? vulnerabili, gli anziani che frequentano i centri sociali e, soprattutto, quelli che non li frequentano o le famiglie dei disabili.

Ma il dissesto ? anche questo, non poter spendere 5.000 euro per adeguare il lavoro sociale ai tempi moderni. Questa, insieme alla carena di spazi per il lavoro degli assistenti sociali ? una delle tante criticit?. Dopodich?, se anche l’Europa ha sospeso il Patto di Stabilit?, non capisco perch? un Comune, seppure in dissesto, non possa scegliere di mettere risorse per contenere l’emarginazione sociale. Resta il fatto che questo ? un sistema che va completamente rinnovato, anche tecnologicamente. Le procedure burocratiche per me sono insopportabili, che ci posso fare? Mai come oggi abbiamo bisogno di politiche sociali e di operatori sociali e invece si va solo e sempre verso la contrazione delle risorse. In queste ore l’emergenza ? sanitaria ma quando rientrer? la pandemia rimarranno le conseguenze sociali: imprese chiuse, gente senza lavoro e senza casa, diritti sociali negati.

Abbiamo davanti una sfida importante per la citt? di Cassino e la Regione Lazio non pu? sottovalutarla come ha fatto finora. Servono misure economiche straordinarie che non si perdano nei livelli intermedi. Fuori dai denti: Cassino dovrebbe ricevere risorse regionali proprie che non passino per il Consorzio dei Servizi sociali. Con il Direttore Tartaglia c’? un’ottima collaborazione ma le esigenze di una citt? come Cassino sono profondamente diverse da quelle degli altri Comuni pi? piccoli?.

Le polemiche politiche di questi giorni?

?Chi fa polemiche in questi giorni o ? sciocco o ? in malafede. Questo ? il tempo in cui le persone serie riconoscono di avere un nemico comune che si chiama Covid-19, un nemico con cui non si scherza, non si pu? essere approssimativi, un nemico che ha gi? provocato migliaia di morti e che vede medici e infermieri rischiare la vita per aiutare il Paese ad uscire da questa tragedia. Chi fa polemica in questi giorni lo fa in modo pretestuoso per guadagnare un po’ di consenso attraverso i social e trovo che sia veramente triste. Non che non si debbano fare critiche, per carit?. Per? soprattutto in questi giorni basta con la superficialit?, la mancanza di argomenti, l’incapacit? di rispettare il lavoro delle istituzioni manco fossimo ancora in campagna elettorale. C’? sempre quello che la sa pi? lunga degli altri e si mette a spiegare su facebook cosa dovrebbe fare il Sindaco. Peccato che in questi giorni non si renda conto di essere pi? che mai fuori luogo?.

andratuttobene e iorestoacasa sono solo slogan oppure voi che siete in prima linea ci credete davvero?

?Gli hashtag vanno presi per quello che sono. Io ho i miei: #cassinosolidale e #cassinorisponde. Io so che dobbiamo fare del nostro meglio, anzi dovremmo fare l’impossibile per andare incontro alle persone che in questo momento stanno vivendo malissimo. Che senso ha dire che andr? tutto bene se poi non si ha un centesimo per attivare forme di contenimento del disagio sociale??.

Redazione L’Inchiesta Quotidiano

Sballo, non si scherza pi?

Sballo, non si scherza pi?

CIOCIARIA OGGI, 23 FEBBRAIO 2020 – La decisione?Telecamere in piazza Labriola e rifinanziamento della legge anti-droga. Spaccio under 14 e genitori disperati. Ecco le mosse del Comune: parla l?assessore Luigi Maccaro.

La decisione Telecamere in piazza Labriola e rifinanziamento della legge anti-droga. Spaccio under 14 e genitori disperati. Ecco le mosse del Comune: parla l?assessore Luigi Maccaro

Telecamere in piazza Labriola, il luogo-simbolo dello spaccio e degli abusi alcolici, per moda e per comodit?. Specie nei weekend. Telecamere per cercare di frenare un fenomeno tristemente dilagante. L?amministrazione taglia a corto. Dopo anni di richieste, tornano gli occhi elettronici. E sull?assunzione di droga in giovanissima et?? C?? una tendenza pericolosissima. Lo spiega l?assessore alla Coesione sociale, esperto nell?ambito, Luigi Maccaro. Una tendenza in aumento che vede addirittura i ragazzi under 14 come strumenti di spaccio proprio per la loro impunibilit?. I famosi baby pusher che impazzano anche a Cassino. L?amministrazione ha deciso di contrastare il fenomeno e di investire in prevenzione. Lo spiega proprio Maccaro.

Rifinanziamento del fondo anti droga. In cosa consiste?

?Il Fondo nazionale di lotta alla droga fu istituito con la legge 45 del ?99. Serviva a finanziare soprattutto interventi di prevenzione rivolti a ragazzi, genitori e insegnanti. Il fondo era ripartito fra le Regioni e poi sui territori attraverso le Asl e i Comuni. Trovo assurdo che oggi la Regione Lazio non abbia un centesimo in bilancio per aiutare scuole e famiglie a contrastare la diffusione incredibile di sostanze legali e illegali fra gli adolescenti. Ho chiesto al consigliere Paolo Ciani di farsi portavoce di questa istanza anche a nome delle 13 comunit? del Lazio. I nostri dati (progetto di ricerca Selfie) ci dicono che oltre l?80% degli studenti superiori dichiara di conoscere persone che fanno uso di sostanze. Bisogna dire basta al clima di tolleranza che si ? instaurato negli ultimi dieci anni. Basta con i negozi in cui si apparentano le sostanze con i lecca lecca e le tisane. Basta con gli spacciatori arrestati e di nuovo in pista il giorno dopo. Trovo ottima l?iniziativa del ministro dell?Interno Lamorgese volta a punire con la custodia cautelare in carcere dopo il secondo fermo per spaccio. Anche per questo le telecamere ad alta definizione che stiamo per installare in piazza Labriola saranno importanti per contrastare lo spaccio?.

Sballo da adolescenti: dati e conseguenze

?I ragazzi hanno una percezione distorta e l?uso della cannabis ? ormai ritenuto normale, in diversi casi persino legale. Un terzo degli studenti afferma di aver assunto sostanze. Sul policonsumo poi gli adolescenti italiani sono i primi in Europa. E per quanto riguarda lo spaccio e il traffico, c?? una tendenza pericolosissima, in costante aumento che vede utilizzare i ragazzi under 14 come strumenti di spaccio proprio per la loro impunibilit?. Negli ultimi 5 anni i minori in carico al servizio sanitario per problemi di dipendenza sono pi? che raddoppiati: quelli entrati nel circuito della giustizia minorile sono stati pi? di quattromila. Nel 2018 sono stati segnalati all?autorit? giudiziaria pi? di 1.300 minori, di cui circa 500 sono stati posti in stato di arresto, di questi solo 90 sono entrati in comunit?. Sono 25.000 circa i minori e i giovani adulti in carico agli uffici del servizio sociale per i minorenni, di questi solo 2.000 sono in strutture specializzate. Eppure si continua a registrare una mancanza di sensibilit? al problema droghe. C?? bisogno di un lavoro culturale che crei lo stigma sociale come successe con l?eroina negli anni 80. Siamo di fronte a un disastro epocale, per la prima volta nella storia abbiamo le comunit? piene di ragazzini di 15 e 16 anni.

Cassino epicentro del dramma, che cosa ? accaduto negli anni?

?A Cassino non c?? nessun dramma. La stragrande maggioranza dei ragazzi vive serenamente la propria adolescenza. Se proprio vogliamo dare un allarme possiamo darlo sui danni provocati dall?abuso di smartphone e playstation. ? l? che si stanno facendo danni enormi. Per il resto c?? una sempre pi? diffusa abitudine all?uso di alcol e di sostanze dovuta all?interruzione di qualunque intervento di prevenzione da parte della Regione e alla diffusione di una sotto-cultura orientata a un permissivismo stupido e dannoso. Da cittadino dico che siamo fortunati ad avere la presenza di Exodus sul nostro territorio: in trent?anni migliaia di persone hanno avuto la possibilit? conoscere le terribili conseguenze dell?uso di droghe. Oggi abbiamo insegnanti che accompagnano le classi in visita alla Comunit? che, a loro volta, ci erano stati quando erano studenti. ? chiaro che la societ? ? cambiata profondamente e rapidamente ma dobbiamo mantenere alta la guardia, non arrenderci e costruire strategie ampie e condivise affinch? i ragazzi, di fronte al disvalore della droga, abbiano una controproposta seria e credibile?.

Genitori assenti e vuoto nella societ?… Serviranno anni per ricucire questo strappo?

?I genitori sono disarmati, spesso sono disperati, non riescono a seguire i figli perch? presi dal lavoro. Soprattutto non siamo in grado di fronteggiare un marketing delle sostanze, anche quelle legali come l?alcol e il tabacco, che dispone di investimenti straordinari. Oggi bisognerebbe garantire a ogni genitore, insegnante, allenatore un percorso formativo specifico dedicato al disagio giovanile e alle possibili conseguenze. Ma con quali fondi? E con quali leggi? Gioved? cominciamo i lavori per un progetto generale di prevenzione rivolto a tutta la citt? promosso da Universit?, Asl, Comune e Exodus. Cercheremo la collaborazione delle scuole, delle associazioni, delle parrocchie e delle imprese. Un?impresa grande e importante che ho in testa da anni e che oggi finalmente pu? vedere la luce. Ma c?? bisogno di un impegno corale da parte di tutta la citt?: in parte degli adulti ma soprattutto dei ragazzi che possono essere ?peer educator? per i loro compagni in difficolt??.

Una storia simbolo che ti ha colpito

?La storia simbolo che porter? sempre nel cuore ? quella di Sandro, portato in comunit? a 20 anni da un personaggio famoso. Veniva dal carcere minorile di Casal del Marmo. Appena arrivato mi disse ?Tu non ti sei mai fatto, non mi puoi capire e non mi puoi aiutare?. Ha fatto un percorso difficile ma bello, col tempo si ? fidato e credo che alla fine siamo cresciuti insieme. Un lavoro educativo che ? stato anche un percorso di autoeducazione per me stesso. Oggi ? sposato con due figli ed ha un incarico di grande responsabilit?. Situazioni apparentemente impossibili spesso si trasformano in storie di salvezza. Non sempre. Ma questa ? la scommessa del nostro lavoro?.?

INTERVISTA DI KATIA VALENTE

Al via la Consulta per i diritti delle persone disabili

Al via la Consulta per i diritti delle persone disabili

Dopo aver avviato il tavolo permanente per le politiche giovanili che si riunisce ogni secondo luned? del mese, l?Assessore alla Coesione sociale Luigi Maccaro ha convocato per gioved? 27 febbraio alle ore 15.00 in Sala Restagno una prima riunione con le associazioni che si occupano dei diritti delle persone disabili.

Sono due i punti importanti all?ordine del giorno: la proposta di istituzione della Consulta comunale per i diritti delle persone disabili e la costituzione di un gruppo di lavoro per la definizione del Piano per l?eliminazione delle barriere architettoniche.

?La Consulta per i diritti delle persone con disabilit? – precisa Maccaro – sar? un organismo di confronto, valutazione e promozione delle azioni e delle politiche in tema di disabilit?, favorendo lo scambio tra l’Amministrazione comunale e il tessuto associativo della nostra citt??.

La Consulta avr? la funzione di favorire le relazioni ed il confronto tra diverse esperienze, impegnate nel superamento dell?handicap, servir? a promuovere la diffusione di una cultura attiva dell?integrazione oltre che esprimere pareri su piani e progetti dell?Amministrazione comunale.

L?altro punto all?ordine del giorno prevede la costituzione di un gruppo di lavoro per la realizzazione del P.E.B.A. il Piano per l?eliminazione delle barriere architettoniche. ?Abbiamo gi? fatto alcune riunioni con gli Assessori Emiliano Venturi alla Manutenzione ed Francesco Carlino ai Lavori pubblici – informa l?Assessore – per impostare il lavoro che avr? bisogno dei tecnici ma anche dei cittadini ai quali chiederemo di segnalare le barriere architettoniche da mettere nel piano. E? stato cos? nelle settimane scorse per l?accesso all?ufficio postale di Caira, una barriera segnalata da un giovane disabile, che ? stata rimossa in tempi brevi grazie alla collaborazione tra l?Amministrazione comunale e Poste Italiane. La mia idea ? quella di proporre alla Giunta di destinare in maniera permanente il 10% degli oneri di urbanizzazione alla rimozione delle barriere architettoniche?.

Sull?argomento ? intervenuto anche il Sindaco Enzo Salera: ?L?attenzione ai bisogni delle persone con disabilit? ? una priorit? per la nostra Amministrazione che va affrontata in maniera strutturale. Abbiamo subito trovato una prima soluzione, ad esempio, per quanto riguarda i parcheggi ma vogliamo avere un?interlocuzione permanente con le associazioni del territorio insieme alle quali affrontare problemi che riguardano i disabili ma, allo stesso tempo, anche gli anziani e le mamme con i passeggini per rendere la citt? pi? fruibile?.

Insomma Cassino ha gi? iniziato la sua strada per diventare una citt? senza barriere capace di mettere in primo piano i bisogni delle persone pi? fragili.

Un progetto pilota contro le dipendenze per la citt? di Cassino

Un progetto pilota contro le dipendenze per la citt? di Cassino

Si ? svolto questa mattina alle 11 presso la Sala Consiglio del Rettorato dell’Universit? di Cassino, l’incontro fra Comune, Universit?, Asl e Exodus finalizzato al rinnovo del Protocollo d’Intesa per la costituzione di un Gruppo di lavoro tecnico su disagio giovanile e dipendenze.

Erano presenti il Sindaco di Cassino dott. Enzo Salera, il Direttore del Dipartimento Salute mentale e Patologie da Dipendenza della ASL di Frosinone dott. Fernando Ferrauti,il Responsabile di Exodus dott. Luigi Maccaro, oltre a numerosi operatori del settore. Il Rettore, prof. Giovanni Betta, impossibilitato a partecipare era sostituito dalla prof.ssa Alessandra Zanon.

Nel corso del dibattito i presenti hanno condiviso una lettura della realt? legata al fenomeno delle dipendenze, caratterizzata da una percezione distorta, da un abbassamento della sensibilit? all’argomento, da una invisibilit? sociale del problema che stridono di fronte ai dati che invece evidenziano un importante aumento dell’uso di sostanze legali e illegali soprattutto fra i giovanissimi.

Da qui ? nata l’idea di costruire un progetto pilota, calibrato sulla citt? di Cassino, per tentare di coinvolgere tutti gli strati sociali, tutti gli Enti e le organizzazioni che, a vario titolo, possano contribuire ad accrescere la sensibilit? per queste tematiche. 

Ora si apre la fase operativa: gioved? 27 febbraio, alle ore 11, al Comune di Cassino, ci sar? una riunione per costituire delle commissioni tematiche: formazione adulti, interventi con i ragazzi, gruppo comunicazione.

Negli anni scorsi il gruppo di lavoro ha realizzato diversi eventi formativi rivolti ad insegnanti delle scuole medie e superiori con l’obiettivo di fornire competenze utili a rilevare i primi sintomi del disagio sociale tra i giovani e ad intervenire, anche presso le famiglie, affinch? quel disagio non si trasformasse in percorsi di devianza.

Da oggi, il primo impegno sar? quello di ampliare il team ad altre realt? che sul territorio si occupano di giovani e di disagio: le Scuole, il Consorzio dei comuni del cassinate, le Agenzie educative che operano nel volontariato e nell’associazionismo e tutte quelle realt? che hanno esperienza e competenza nell’osservazione dei fenomeni sociali.

Il Gruppo di lavoro sar? subito impegnato nella definizione di un programma di obiettivi concreti circa l’osservazione del fenomeno, la definizione di metodologie di intervento a partire dalle numerose buone pratiche esistenti, la definizione di modelli di analisi di efficacia degli interventi. Infine dovr? occuparsi di organizzare momenti di formazione e informazione rivolti agli adulti (genitori, insegnanti, medici, amministratori, educatori, ecc.). Il tutto sostenuto da una strategia di comunicazione finalizzata a raggiungere il pi? ampio strato di popolazione.

Altro impegno per cui sar? importante unire le forze riguarda la Regione Lazio: tutti i presenti sono concordi sulla necessit? di chiedere alla Regione un impegno economico per sostenere le attivit? di prevenzione che sono ferme ormai da troppi anni. Bisogna ripristinare il Fondo per la Lotta alla Droga con cui nel passato gli interventi di prevenzione permettevano di arginare i fenomeni di abbandono sociale, di emarginazione giovanile che invece oggi subiscono una evidente recrudescenza.

?Siamo davvero preoccupati – ha dichiarato il Sindaco Salera – da questa recrudescenza del fenomeno dell’uso di alcol da parte di giovanissimi gi? a partire dai 12 anni. Credo che l’anello debole siano le famiglie alle quali dobbiamo dedicare attenzione, formazione e sensibilizzazione. Come Amministrazione comunale, oltre a mettere in campo l’impegno dell’Assessorato alle Politiche giovanili, vogliamo farci carico anche di un’opera di sensibilizzazione presso gli esercenti di bar e supermercati che troppo facilmente vendono alcol ai limiti del consentito?.

La proposta del progetto pilota viene dal dott. Ferrauti: ?Bisogna lavorare sulla percezione del problema da parte della societ? – afferma Ferrauti – con una strategia di comunicazione efficace per promuovere consapevolezza fra gli adulti e fra i ragazzi, utilizzando linguaggi e media adatti alla loro cultura. La ricerca dello sballo nasce spesso dal nulla educativo nel quale sono immersi, per questo Cassino potrebbe proporsi come citt? simbolo dell’impegno sociale. ?

?I drogati aumentano ma se ne vedono sempre meno in giro – chiosa Luigi Maccaro – perch? dopo 30 anni di lotta alla droga dobbiamo ammettere che ci troviamo in una societ? sempre pi? drogata. Drogata nelle relazioni e nella comunicazione, nei modelli giovanili, nello sport e nelle canzoni, nel gioco e nelle illusioni di riscatto dalla crisi economica. Gli adulti sono presi da s? stessi in un circolo vizioso narcisistico di fronte al quale i ragazzi scelgono strade potenzialmente devianti. ?Finalmente con questo progetto apriamo una strada nuova che ci porter? ad avere finalmente un approccio preventivo di comunit??.

Il professor Giovanni Betta, pur impossibilitato a partecipare, ha fatto pervenire il suo saluto: ?Sono contento – ha fatto sapere – che ancora una volta l’Ateneo sia il luogo dove prendono forma le migliori sinergie sul territorio per affrontare problemi che ci stanno a cuore poich? riguardano i ragazzi e quindi riguardano anche i nostri studenti. Credo che le professionalit? messe in campo siano significative ad auspico che il sapere e la ricerca prodotti finora dall’Universit? di Cassino possano confluire in questo progetto al servizio del territorio?.

Sono sempre pi? numerosi i giovanissimi che fanno uso di sostanze stupefacenti e alcoliche. Come testimoniato dalla comunit? scientifica, l?inizio ? precoce ed ? in forte aumento l?utilizzo in fasce di et? sempre pi? giovani. La peculiarit? del tema, la difficolt? a vederne oggi gli esatti confini a causa dei mutati stili di consumo, dei nuovi bisogni comunicativi dei giovani, la lista sempre pi? lunga di nuove sostanze stupefacenti che eludono le normative vigenti in materia e il commercio delle sostanze via internet impone un approfondimento sulla reale dimensione del fenomeno in relazione ai fattori di rischio, alle strategie attuabili e validate nonch? una riflessione su modelli innovativi di intervento e prevenzione. Il confronto con gli esperti evidenzia che il problema non pu? essere risolto solo sul piano della sicurezza e degli interventi repressivi ma che occorre soprattutto portare avanti l?esperienza di pratiche dissuasive dall?uso di sostanze, in modo uniforme sul territorio.

Ambiente, da Demos un appello per il sud della Provincia

Ambiente, da Demos un appello per il sud della Provincia

Sfide locali e scenari globali sono stati al centro dell?incontro promosso da DEMOS nella citt? di Aquino gioved? 13 febbraio. Un momento di riflessione, organizzato da?Fabio Gervasio del gruppo DEMOS Cassino, per parlare di ambiente in una provincia, quella di Frosinone, segnata da?problemi ambientali di grande portata: dall?inquinamento della Valle del Sacco alla contaminazione agricola, dalla gestione dei rifiuti alla sostenibilit? dell?industria. L?evento ha visto la partecipazione di numerosi amministratori locali, di esperti ambientali e cittadini. Democrazia Solidale ha una significativa presenza nella citt? di Cassino, rappresentata dall?assessore alla coesione sociale Luigi Maccaro. Una figura nota nel territorio per il suo impegno nella Comunit? Exodus.?

Ambiente, un tema cruciale per la Ciociaria

Problemi scottanti per la zona, come i rifiuti, l?inquinamento, l?agricoltura e l?industria vanno inseriti nel quadro della pi? grande sfida del nostro secolo, quella dei cambiamenti climatici. A delineare il contesto entro il quale si muovono le sfide nazionali e locali ? stato Andrea Masullo, esperto ambientale e membro del comitato scientifico di DEMOS. ?Oggi stiamo inducendo un mutamento del clima cos? repentino da essere simile a quello provocato dal meteorite che fece estinguere i dinosauri?. Con impatti che cambieranno persino la morfologia del territorio. ?Il cambiamento climatico provocher? nel tempo l?innalzamento dei mari e far? scomparire le coste italiane nei prossimi 200-300 anni. Dobbiamo preparaci ad affrontare temperature pi? alte d?estate e precipitazioni a carattere violento in autunno?. 

Per Masullo la sfida centrale ? cambiare il paradigma culturale ed economico: ?Il problema non ? lo sviluppo in s?, anche quello industriale, ma che questo si orienti in senso sostenibile e produca reale benessere per le persone, non solo beni di consumo. Usare energia alternativa e rinnovabile, implementare la green economy, avviare politiche di rimboschimento, rinaturalizzare i corsi d?acqua?. La Valle del Sacco ? l?emblema di un?industria che avrebbe dovuto aiutare l?agricoltura e invece l?ha distrutta. ?Nel 2008 furono trovate tracce di lindano, insetticida molto tossico, nel latte proveniente dagli allevamenti intorno a Colleferro ? ha ricordato Masullo ? e questo ha reso i terreni inutilizzabili per decenni a causa del gravissimo inquinamento prodotto?.

L?esperienza degli amministratori locali

A descrivere la situazione ambientale della Ciociaria i sindaci di diversi comuni. Per Arturo Gnesialla guida della citt? di Pastena, ? urgente creare una Commissione permanente ambientale, per non delegare ad altri la tutela del territorio e combattere gli interessi della mafia soprattutto nella gestione dei rifiuti. Un tema quest?ultimo che trova in prima linea Giuseppe Saccosindaco di Roccasecca , citt? che ospita una delle discariche pi? importanti della regione e accoglie i rifiuti della Capitale. Pi? attenzione ai problemi del territorio ? stata chiesta anche dal sindaco di Aquino Libero Mazzarappi, che ha scelto di ospitare l?incontro nella sala consigliare del Comune. 

La sfida per i comuni della Ciociara ? di creare un fronte comune, come hanno ribadito i consiglieri comunali di Cassino Alessandra Umbaldo e Bruno Galasso, per presentare in modo forte e coeso le istanze del territorio a livello regionale e nazionale. E? questo l?impegno di Democrazia Solidale, che si riconosce pienamente nel messaggio espresso dalla ?Laudato s?? di Papa Francesco. La scelta ? di partire dal basso con un progetto elaborato nell?ascolto dei territori. Convinti che sia questa la chiave pi? efficace per coniugare sfide locali e scenari globali.

L?adolescenza non ? una malattia ma dobbiamo occuparcene insieme

L?adolescenza non ? una malattia ma dobbiamo occuparcene insieme

L’INCHIESTA QUOTIDIANO, 29 GENNAIO 2020 –

Dopo 30 anni di lavoro con i giovani difficili nella citt? di Cassino, qual ? il polso della situazione? Quali sono gli elementi di maggiore importanza nell?universo giovanile del nostro territorio?

Il dato pi? importante ? che noi questi ragazzi non li conosciamo affatto. Dobbiamo accettare il fatto che i tempi cambiano e dobbiamo smetterla di cercare di incastrare gli adolescenti nei nostri modelli di comportamento ideale. La verit? ? che l?unico modo di essere adolescenti in maniera sana ? quella di andare ?contro?: il conflitto ? la normalit? dell?adolescenza. E? il tempo delle grandi trasformazioni interiori ed esteriori di fronte al quale i ragazzi vorrebbero che il mondo fosse diverso, in sintonia con loro stessi. Ma questo ? impossibile, perci? ? naturale che siano ?contro?. Per questo con il progetto Selfie vogliamo chiedere ai ragazzi di scattarsi una fotografia che ci racconti i loro bisogni, i loro desideri, le loro sofferenze, il loro potenziale.

Essere ?contro? pu? essere naturale ma pu? anche sfociare nella trasgressione, nella devianza, nelle dipendenze. Cosa devono fare gli adulti in questi casi?

Viviamo nella societ? dell?insicurezza e della paura che nella vita degli adolescenti ? moltiplicata. Prima che i ragazzi facciano sciocchezze grosse bisogna saper essere presenti, in maniera educativa, sin dall?infanzia, in modo da confermare la robustezza dei legami e delle relazioni. L?alcol e le droghe, il gioco d?azzardo e i comportamenti spericolati spesso servono a mascherare un bisogno di appartenenza ad una societ?, innanzitutto familiare, che ? sempre pi? disgregata. L?aggregazione educativa ? la chiave di volta per invertire la tendenza. La famiglia, attraverso anche l?amicizia con altre famiglie, deve essere uno spazio di educazione alle relazioni. La scuola dovrebbe diventare una casa accogliente e formativa per i ragazzi, non pi? un contesto da odiare o, nel migliore dei casi, da mal sopportare. E questa ? una sfida aperta: fare in modo che le scuole il pomeriggio diventino luoghi di aggregazione giovanile.

Exodus ha cominciato le sue attivit? a Cassino 30 anni fa occupandosi di tossicodipendenti. Oggi la nuova emergenza sono gli adolescenti ?difficili?, su questo siete molto impegnati ma il mare dei bisogni educativi sembra immenso.

 Ormai tutti i giorni incontriamo persone che ci chiedono aiuto per questo. L?altra sera al supermercato una signora mi ha fermato chiedendo un aiuto per il figlio che ? in preda ad una dipendenza dal videogioco Fortnite. Ieri mattina una insegnante mi ha chiesto una riunione operativa a scuola per affrontare lo stesso problema con i suoi studenti. C?? un allarme videogiochi e social network di fronte al quale gli adulti si stanno chiedendo come affrontare il problema e chiedono aiuto. Nei prossimi giorni iniziamo un corso di formazione all?ITIS sulla gestione efficace della classe. In febbraio ripartono gli incontri formativi per genitori dell?Universit? della Famiglia. Con il Comune stiamo cercando di avviare un servizio di educatori domiciliari. Abbiamo bisogno di volontari, studenti universitari, insegnanti in pensione, persone che vogliono dare un po? del loro tempo per costruire una ?comunit? educante? capace di non delegare agli psichiatri la questione giovanile ma facendosene carico responsabilmente.

Per questo ripartiamo dalla conoscenza dei ragazzi. Cosa vi aspettate dal progetto di ricerca ?Selfie??

Vorremmo dedicare i prossimi mesi alla somministrazione del questionario in tutte le scuole, medie e superiori, di Cassino. Se riusciamo a finire il giro entro la fine di questo anno scolastico, a settembre potremmo presentare i risultati di questa ricerca e, in base a questi, strutturare un progetto di promozione del benessere giovanile nella nostra citt?. Sarebbe il modo pi? bello di celebrare il trentesimo anniversario di Exodus a Cassino. L?adolescenza non ? una malattia ma dei ragazzi dobbiamo occuparci insieme, cittadini, associazioni e istituzioni con competenza e senso di responsabilit? collettivo. Anche per questo, entro met? febbraio andremo rinnovare il protocollo d?intesa per l?attivazione di un Osservatorio sul disagio giovanile sottoscritto da Exodus, Universit? di Cassino, ASL di Frosinone e Comune di Cassino.

INTERVISTA DI LORENZO VITA

Gli adolescenti di Cassino, chi sono, cosa sperano, cosa temono

Gli adolescenti di Cassino, chi sono, cosa sperano, cosa temono

?Selfie? l?indagine nazionale sulla condizione giovanile fa tappa a Cassino

Si terr? marted? 28 gennaio alle 11, presso la Sala Restagno la presentazione del progetto Selfie agli Istituti scolastici di Cassino. Il progetto nasce dalla collaborazione tra la Fondazione Exodus e l?Universit? Bicocca di Milano.

Chi sono gli adolescenti, quali interessi hanno, cosa desiderano? La Fondazione Exodus, dopo oltre 30 anni di attivit? con i ragazzi, ha deciso di  realizzare una fotografia che racconti gli stili di vita dei ragazzi, scattata direttamente dagli interessati. 

Verranno affrontate problematiche critiche come l?uso dei social, la qualit? delle relazioni tra pari, l?uso del denaro, il rapporto con gli adulti. Lo scopo principale del progetto SELFIE ? quello di fornire elementi, spunti concreti relativi alla vita dei ragazzi e delle ragazze, utili ad una riflessione per insegnanti, genitori e studenti stessi. 

L?indagine vuole essere in primis uno ?strumento educativo? nelle mani degli attori della scuola, corpo docente, famiglia e studenti, allo scopo di migliorare la qualit? delle relazioni esistenti e di conseguenza, sul versante scolastico, tentare di migliorare la qualit? degli apprendimenti. 

Fino ad oggi la ricerca ha coinvolto oltre 70.000 studenti in tutta Italia ed ora ? la volta di Cassino. La proposta la far? direttamente Franco Taverna, coordinatore nazionale di Exodus, nell?incontro a cui sono stati invitati tutti i dirigenti scolastici del territorio. 

?La cosa pi? bella di Selfie ? ha detto don Mazzi ? ? che in molte scuole, dopo aver partecipato alla ricerca, i ragazzi hanno cominciato a confidarsi con professori e preside. Questo ci fa capire che dobbiamo lasciare aperte le nostre scuole ai ragazzi. La scuola deve diventare il luogo dove si torna a parlare, dove si torna a parlarci, dove tornano le relazioni che sono al di fuori dell’adulto e dei minori?.

?L’obiettivo ? aggiunge Luigi Maccaro ? ? quello di consegnare nelle mani di docenti, genitori e ragazzi una serie di riscontri concreti presi dalla vita reale degli adolescenti della loro scuola e di spunti di approfondimento per la pianificazione di interventi di miglioramento da realizzare proprio a partire dalle loro caratteristiche, dai loro punti di vista e dalle loro fragilit??. 

E infatti “Selfie” racconta di ragazzi e ragazze, quelli finora intervistati, che solo nel 41 per cento dei casi si confronta con un genitore perch? preferisce farlo con un amico; che nel 40 per cento dei casi va male a scuola perch? vive in un contesto monoparentale; che il 45 per cento dei ragazzi ha conosciuto persone tramite i social network; che il 65 per cento degli under 18 usa lo smartphone in classe anche se non potrebbe; che l’84 per cento dei bambini sotto i 10 anni ammette di aver iniziato a giocare d’azzardo ? comprando un “Gratta e vinci” ? grazie ai genitori.

Presentato in forma sperimentale nell’anno scolastico 2014/2015, il questionario “Selfie”, sottoposto attraverso un software e un link online, ? stato implementato grazie al supporto dell’Universit? Bicocca di Milano. “Selfie” ? stato utilizzato in vari istituti italiani per conoscere i teenager di oggi attraverso le risposte che loro stessi hanno dato negli ambiti di indagine: i dati personali, il tempo libero, l’uso di smartphone e social network, il budget settimanale, il rapporto con il gioco d’azzardo, quali sono comportamenti a rischio, quale immagine hanno del proprio corpo e la loro relazione con il cibo e, infine, la realizzazione di s?.

Per Enzo Salera, Sindaco di Cassino che ha voluto riconoscere il patrocino al progetto, ?la conoscenza degli stili di vita dei ragazzi ? un valido punto di partenza per i soggetti impegnati nella cura e nella crescita della popolazione giovanile, in particolare quella di fascia preadolescenziale, a livello scolastico, familiare e territoriale. Padroneggiare la situazione di partenza ? un’azione necessaria per poter porre in essere interventi mirati che possano prendersi carico delle criticit?, ma contemporaneamente valorizzare anche le potenzialit? di una generazione che necessita sempre pi? di un riconoscimento positivo e valorizzante. Questo progetto – continua Salera – mi sembra davvero un utile strumento di indagine e narrazione degli stili di vita giovanili attraverso un’approfondita attenzione al mondo di internet e a quello delle dipendenze, in particolare quella del gioco d’azzardo?.

Le Scuole secondarie di I e II grado, interessate a conoscere nei dettagli la proposta pedagogica di Exodus possono ricevere tutte le informazioni necessarie scrivendo a cassino@exodus.it

La citt? possibile: bilancio di fine anno

La citt? possibile: bilancio di fine anno

In questi primi sei mesi di esperienza amministrativa abbiamo appena intravisto l’inizio del cammino che intendiamo percorrere: un cammino fatto di partecipazione, responsabilit? e fiducia nella “Cassino possibile”, una citt? capace di avere a cuore il proprio benessere a partire dai suoi cittadini pi? in difficolt?.

Quando ho deciso di assumere la responsabilit? di questo Assessorato dovevo rispondere ad una domanda che avevo in testa da molti anni: ? possibile che Cassino cambi? che si ribelli alla logica individualista che attanaglia il nostro tempo? ? possibile che Cassino sappia reagire alla crisi economica e sociale con un approccio solidale ai problemi comuni? ? possibile che la parola comunit? si possa applicare alla dimensione cittadina senza retorica e senza illusioni miracolistiche? ? possibile rinnovare un sistema di welfare cittadino attraverso la partecipazione di un terzo settore capace, a sua volta, di ripensare il proprio ruolo?

La risposta ancora non ce l’ho ma ho deciso di cogliere la sfida per una “Cassino possibile” innanzitutto dal nome che ho chiesto di dare al mio Assessorato: erogare servizi sociali ? importante ma lavorare per la coesione sociale ? l’unica risposta possibile alle domande di sopra. I cittadini non sono sono una controparte a cui dare delle prestazioni. Essi possono essere i protagonisti del proprio benessere se inseriti in una comunit? capace di curare s? stessa. 

Tenere insieme la citt? in una logica di integrazione finalizzata all’aiuto reciproco, questo ? fare comunit?, questo ? coesione sociale. Questa ? l’idea di fondo che ci ha ispirati sin da quando in campagna elettorale Enzo Salera ripeteva che vogliamo costruire “la citt? di tutti e di ciascuno”. Per questo serve visione, partecipazione, innovazione.

Affidiamo a questa relazione i primi vagiti di questa avventura consapevoli che il cambiamento richiede una competenza essenziale: saper cambiare s? stessi per poter cambiare il mondo intorno a noi. Insieme a speranza, sacrificio, responsabilit?. 

Facciamo questo primo “punto della strada” con gli occhi rivolti all’indietro per guardare le cose fatte ma con la mente protesa in avanti a scorgere le prossime cose da fare. Per questo troverete anche i primi semi del lavoro del prossimo anno. 

Soprattutto, avendo ricevuto l’onore di poter servire la citt?, sentiamo forte la responsabilit? di dover rendere conto puntualmente del lavoro svolto.

Buona lettura e buon 2020

Ministro, annulli quelle circolari!

Ministro, annulli quelle circolari!

Gent.ma dott.ssa Luciana Lamorgese

Ministro dell’Interno

Cassino, 30 dicembre 2019 

Egr. Sig.ra Ministro,

Le scrivo in qualit? di Assessore alla Coesione sociale del Comune di Cassino, nonch? referente del locale progetto SPRAR, un progetto che la nostra citt? si vanta di avere dal 2004.

Un progetto che funziona benissimo, con un elevato livello di attenzione nei confronti degli ospiti e un importante investimento sui loro percorsi di integrazione al fine di portarli gradualmente alla piena autonomia  e, di conseguenza, all’uscita dal percorso assistenziale. ? quello che chiedono gli ospiti: essi vogliono studiare, formarsi, fare esperienze di inserimento lavorativo e trovare la loro collocazione nella societ? italiana. Ed ? quello che chiedono anche i nostri cittadini, non solo per l’impegno economico profuso ma anche per la dignit? delle persone che vengono a stare nel nostro Paese. Alla fine, contrariamente a quanto alcuni pensano, molti di loro trovano lavoro.

Attualmente 8 beneficiari hanno svolto, o stanno svolgendo, tirocini formativi presso aziende del territorio ed altri 21 hanno svolto o stanno svolgendo dei corsi di formazione professionale.  Abbiamo lavorato anche affinch? la popolazione distinguesse il progetto SPRAR, del quale abbiamo la responsabilit?, dai progetti CAS, che hanno dimostrato di essere scadenti (almeno quelli che hanno coinvolto il nostro territorio) e hanno contribuito a convincere l?opinione pubblica a pensare banalmente che queste persone fossero “nullafacenti pagati per non fare nulla”. Nessuno poteva e pu? dire lo stesso dei nostri utenti, impegnati tra corsi di lingua, orientamento, sicurezza, sport, formazione professionale, tirocini presso aziende, etc., a riprova che la questione “immigrazione” non ? da porre sugli utenti, ma sul lavoro che con gli utenti viene svolto: noi chiediamo tanto, ma diamo tanto.

Proprio recentemente la nostra citt? di Cassino ? finita sulle cronache nazionali per la cattiva gestione di alcuni centri CAS. Come Amministrazione comunale, insieme all’Ente gestore, la Coop. Soc. Ethica, abbiamo lavorato tanto per evitare che la popolazione locale pensasse ci? che un giornale nazionale riport? sulla questione in prima pagina: ?accoglienza uguale delinquenza?.

In questo clima di lavoro “ben fatto”, le due circolari pervenute nei giorni precedenti il Natale, senza alcun preavviso, ci hanno lasciati basiti, disorientati e ci vedono radicalmente contrari alla loro applicazione.

La prima circolare impone la fuoriuscita dal progetto degli utenti con permesso umanitario (poi rettificata con un comunicato stampa in cui si dice che possono rimanere in accoglienza e che i servizi dell?integrazione sarebbero stati finanziati con fondi europei).

La seconda impone la sospensione di tutti i servizi dedicati all?integrazione dei richiedenti asilo in attesa di un loro trasferimento, che avverr? non si sa quando.

Cosa stanno a significare queste due circolari? Non siamo pi? SPRAR (o SIPROIMI)? Ci state trasformando in CAS? Eppure tutti sanno che bisognerebbe fare il contrario. Vogliamo trasformare i servizi di integrazione in interventi di assistenzialismo? 

Ci dispiace doverLe comunicare che non applicheremo queste due circolari, non lo possiamo fare.

Non lo possiamo fare perch? il servizio che abbiamo attivato come SPRAR aveva ed ha il fine di un servizio sociale, che lavora con gli utenti per accompagnarli nel loro percorso verso l?autonomia; queste sono le regole del nostro ?ingaggio? e questo ? l?impegno che abbiamo preso, con un contratto scritto con i nostri utenti, ove sono specificati i loro doveri e diritti. E la certezza del diritto ? la base di una societ? democratica;

Non lo possiamo fare, perch? una circolare non pu? interrompere dei percorsi di vita, non possiamo interrompere i tirocini presso le aziende del territorio o i contributi alloggio  per chi esce dal progetto. Sulla base delle nuove indicazioni, dal 1? gennaio, gli utenti dovrebbero rimanere nel progetto, senza fare nulla e vivere di assistenzialismo. Noi invece stiamo lavorando perch? si integrino ed escano dal percorso di assistenza per essere autonomi;

Non lo possiamo fare, perch? le citate circolari non hanno fondamento giuridico! Il fatto che si addebitino queste scelte ad una conseguenza dei Decreti sicurezza ? pura speculazione, infatti in nessuna parte di quei decreti viene vietato l?uso dei fondi per l?integrazione. I Decreti sicurezza prevedono l?uscita o il trasferimento dagli SPRAR al termine del progetto. Quegli stessi progetti che sono stati prorogati con Vostro decreto al 30/06/2020. I titolari di permesso umanitario non sono stati mandati via, n? i richiedenti asilo trasferiti, pertanto se permangono nel sistema SPRAR/SIPROIMI devono avere i servizi che lo stesso prevede. Lo stesso Decreto di prosecuzione prevede che siamo tenuti ad offrire i servizi precedentemente previsti, ove mai risulta una differenziazione per tipologia di permesso di soggiorno. Le persone che sono accolte fanno tutte un percorso verso l?integrazione. 

Non lo possiamo fare, Sig.ra Ministro dell?Interno, perch? prendiamo molto seriamente l?uso dei fondi pubblici e la responsabilit? che ne deriva. Il finanziamento decretato per la prosecuzione del nostro Sprar/Siproimi ? gi? comprensivo dei costi destinati ai servizi per l?integrazione di tutti gli ospiti. Dovremmo usare ulteriori fondi europei per coprire spese gi? coperte? O non attivare servizi per i quali siamo stati pagati? 

Non lo possiamo fare, perch? stiamo parlando di persone, nostri concittadini, regolarmente presenti sul territorio italiano, persone che abbiamo accolto con il dovere di tutelare il loro percorso. Non possiamo operare discriminazioni all?interno di un servizio che ha l?obiettivo di offrire protezione.

Gentile dott.ssa Lamorgese, nel massimo rispetto per l’Istituzione che Lei rappresenta e nel massimo rispetto del suo difficile compito, le sottolineo la necessit? che lo SPRAR/SIPROIMI non sia snaturato e che non si trasformino gli SPRAR in CAS; sarebbe necessario piuttosto che gli utenti presenti nei CAS (progetti che hanno gi? mostrato il loro fallimento) siano trasferiti a pieni diritti negli SPRAR. Per far questo basterebbe tornare al vecchio modello SPRAR.

Distinti saluti,

Luigi Maccaro

Assessore alla Coesione sociale

Affido familiare: corresponsabilit? per un nuovo welfare locale

Affido familiare: corresponsabilit? per un nuovo welfare locale

E? stato presentato questa mattina, presso la Sala Restagno del Comune di Cassino, il progetto per l?affido familiare, per aiutare i minori che vivono in situazioni familiari insostenibili. Il progetto ? stato approvato dall?Amministrazione Comunale nelle scorse settimane e sar? gestito in collaborazione con il Consorzio dei servizi sociali. 

Alla conferenza stampa di presentazione hanno partecipato il Sindaco, Enzo Salera, l?Assessore alle politiche sociali Luigi Maccaro, la dottoressa Silvia Crolla, assistente sociale, il dottor  Donato Formisano presidente della Banca Popolare del Cassinate, che ha sostenuto la realizzazione della campagna informativa di promozione dell?affido familiare.

La campagna mira a reclutare un certo numero di famiglie intenzionate a dare la propria disponibilit? ad accogliere temporaneamente un minore proveniente da una condizione di difficolt?. 

Ad aprire i lavori il Sindaco, Enzo Salera, che ha testimoniato come questa campagna sia una delle priorit? dell?amministrazione comunale. Il progetto nasce dalla convinzione che l?affidamento sia la soluzione migliore per i minori che vivono situazioni di disagio e l?auspicio ? che questa iniziativa possa, innanzitutto, incontrare il consenso di tante famiglie e tante persone che possano dare la propria disponibilit? ad accogliere un bambino, ma anche che possa rappresentare un esempio per altri comuni e altri enti. Cassino, infatti, pu? essere la citt? capofila di una filiera virtuosa di accoglienza, solidariet?, condivisione. 

L?Assessore  Luigi Maccaro ha raccontato come questo progetto sia nato all?inizio di questa esperienza amministrativa. ?Ho cercato da subito ? ha raccontato Maccaro ? di capire la dimensione dei problemi: la situazione relativa ai minori in situazioni di disagio, a quelli collocati in case famiglia e il numero di famiglie in situazioni di fragilit? era impressionante. La responsabilit? dell?amministrazione comunale ? che siano sempre di meno i minori che debbono essere tolti alla loro famiglia di origine per essere dati in affidamento. Per questo ? necessario innanzitutto lavorare in ottica di prevenzione, a supporto delle famiglie in difficolt??. 

Maccaro ha anche sottolineato come l?impegno economico che pesa sul Comune per il collocamento di minori in casa famiglia sia estremamente oneroso: dai circa 230 mila euro spesi dal comune di Cassino nel 2017, oggi si ? passati a circa 700 mila euro che ? la cifra che il comune avr? speso il prossimo 31 dicembre. ?Il dato fa riferimento esclusivamente ai minori italiani e dunque non considera i minori stranieri non accompagnati. E? chiaro che il Comune non ha avviato questo progetto per ragioni di risparmio economico, ma ? altrettanto chiaro che il costo crescente di queste problematiche testimonia la misura del disagio di molte, troppe famiglie. Credo che la parola chiave di questo progetto sia ?corresponsabilit??. La prospettiva ? un cambiamento della societ? e la creazione di molteplici sinergie?. 

Il progetto prevede una prima fase ? realizzata grazie ala partnership con Banca Popolare del Cassinate ? destinata ad una importante e capillare campagna informativa, cos? da sollecitare la disponibilit? delle famiglie. Nel mese di gennaio, poi, verr? proposto un corso di formazione (a cui ne seguir? un altro nel mese di settembre). Al termine del corso le famiglie ritenute idonee verranno iscritte al?albo e potranno essere chiamate ad accogliere un minore. 

L?Assessore ha anche assicurato che il Comune rendiconter?, almeno con cadenza annuale, i risultati del progetto, sia dal punto di vista economico e numerico sia dal punto di vista sociale. 

L?assistente sociale, Silvia Crolla, ha sottolineato ancora l?importanza dell?attivit? di prevenzione e ha evidenziato come la parola affidamento vada intesa in un duplice significato: non solo il bambino viene affidato ad una famiglia, ma la famiglia di origine si affida alla famiglia affidataria, cos? da creare, insieme, un cerchio di protezione per il minore. 

Ci saranno 8 incontri, per un totale di 20 ore, che prevedono sia una parte tecnica, nella quale verr? illustrata la normativa vigente, sia una parte pi? ?pratica?, che terr? conto degli aspetti emotivi legati all?affidamento, primo fra tutti il fatto che la famiglia affidataria deve essere pronta e preparata al momento del distacco del bambino. La famiglia di origine non sar? abbandonata ma sar? aiutata a superare il momento di difficolt? che ha portata al affidamento. 

A concludere i lavori il Presidente della BPC, Donato Formisano ?L?Affido familiare ? un tema delicato e prezioso e rappresenta, da parte delle famiglie affidatarie, un gesto nobile e generoso. Un gesto che, proprio perch? temporaneo, richiede una generosit? ancora pi? grande: accogliamo nelle nostre case, per qualche tempo, un bambino bisognoso di aiuto. Lo accompagniamo per un tratto di strada e poi siamo pronti a riconsegnarlo alla sua famiglia di origine o a chi dovr? occuparsi di lui. Questa disponibilit? all?accoglienza fa parte della tradizione di Cassino: chi, come me, ha vissuto il dramma della guerra, ricorder? come le famiglie erano solidali e accoglienti e come tantissime volte i bambini che avevano perso i genitori venivano accolti da nuove mamme e nuovi pap? che, in un gesto naturale, semplice, affettuoso, generoso, allargavano i loro cuori e le loro case per accogliere un nuovo figlio. 

E? davvero bello che il Comune abbia deciso di investire energie e risorse nella formazione di coloro che saranno chiamati ad accogliere questi minori, che abbia deciso di accompagnare queste persone nel loro percorso e che abbia programmato una campagna di sensibilizzazione cos? ad ampio raggio. 

Infine, sottolineo anche come proprio la sinergia tra pubblico e privato, il coinvolgimento di pi? persone, enti, aziende sia una strategia vincente, che potr? aiutarci a superare tanti limiti, tante fragilit?, tante difficolt?. 

L?augurio ? che questo sforzo dia i risultati sperati, garantendo accoglienza a tanti piccoli in situazione di difficolt?. Ma l?augurio ? anche che questa campagna e questo progetto diano anche un?impronta diversa alla cultura della nostra citt?: la campagna per l?affido familiare ci educhi alla solidariet?, all?accoglienza, alla generosit??.?

[views]

?Welcome to Italy?: una ferita per la citt? e fango per il sociale

?Welcome to Italy?: una ferita per la citt? e fango per il sociale

? possibile trarre un insegnamento dallo scandalo di questi giorni? Io credo che il rapporto fra pubblica amministrazione e terzo settore vada profondamente ripensato. A partire dal modello di affidamento dei servizi. A Cassino stiamo lavorando per passare dai capitolati di gara ad un approccio centrato sulla co-progettazione dei servizi. Ma l?intenzione ? arrivare ad una valutazione degli interventi da realizzare insieme all?Universit?.

Quale che sia lo sviluppo giudiziario della vicenda di alcune cooperative finite sotto la lente della Procura per presunti illeciti nella gestione dell?accoglienza dei migranti, rester? comunque un?ennesima ferita per la citt? di Cassino, finita ancora una volta sulle cronache nazionali per motivi di cui non si pu? certo andare orgogliosi. E rester? un altro bel po? di fango sul mondo della cooperazione sociale, dell?accoglienza e della cura di persone in condizioni di fragilit? sociale.

Una ferita profondamente ingiusta quella inferta alla citt? di Cassino perch? titolare, dal 2004, di un servizio di accoglienza Sprar che funziona egregiamente grazie alla collaborazione fra Comune e Coop. Ethica e che da tanti anni pu? essere considerato un?eccellenza a prescindere dalle stagioni politiche.

Cos? come ? ingiusto il fango gettato sul mondo del sociale e delle imprese, degli enti, delle associazioni che si occupano di costruire percorsi di esistenza dignitosa per donne e uomini che hanno bisogno di una possibilit? per ricominciare a vivere. Dobbiamo evitare quella narrazione superficiale di un terzo settore che tiene insieme famiglie, operatori, comunit?, provando a ricucire ci? che la crisi ha disgregato: il tessuto sociale, il senso di appartenenza ad una comunit?. Provando a dare lavoro a chi fatica di pi? a trovarlo come persone con disabilit? fisiche o mentali, ragazze madri, ex detenuti.

Per questo – come amministrazione comunale – abbiamo intrapreso una strada che ha come fine la valorizzazione delle esperienze sociali positive attraverso la condivisione di regole entro le quali si possano costruire benessere, coesione sociale e servizi innovativi. ? pronto il Regolamento per i rapporti fra amministrazione comunale e terzo settore che prevede i tavoli tematici e i percorsi di co-progettazione con i quali potremo superare le gare a ribasso d?asta sui servizi alla persona.

L?area del disagio sociale ? sempre pi? vasta e, di fronte alla continua contrazione delle risorse pubbliche, c?? bisogno di risposte urgenti, innovative, di lungo respiro. Lucrare sulla pelle dei bisognosi ? uno scandalo che dobbiamo prevenire e combattere attraverso regole chiare, procedure trasparenti e rifiuto categorico di qualunque sbavatura nella correttezza dei rapporti e nell?uso del denaro pubblico.

A Cassino c?? bisogno di pi? imprese sociali con la capacit? di trasformare la realt? come ? stato gi? fatto in molte parti d?Italia. Il terzo settore crea occupazione, risposte serie ed efficaci, benessere sociale. Insieme all?Universit? possiamo promuovere percorsi virtuosi per la creazione di nuove imprese capaci di innovare nel campo dei servizi alla persona e nell?inserimento lavorativo di soggetti deboli. E c?? bisogno di enti locali (Comune e Consorzio dei servizi sociali) capaci di cogliere questo bisogno di innovazione sociale, nel metodo, nelle forme, nella condivisione e nella trasparenza.

L?assistenza ai migranti non ? un business ma un?azione di welfare insostituibile. Le accuse di cui si parla in questi giorni sono di una gravit? intollerabile ma possono essere l?occasione per una revisione profonda dei rapporti fra amministrazioni dello Stato e cooperazione sociale.

Lo sdegno ? condivisibile ma non ? sufficiente: bisogna lavorare insieme per definire un nuovo modello di gestione dei servizi alla persona capace di valorizzare il ruolo di indirizzo del pubblico, le competenze maturate dal terzo settore e la necessit? di valutare l?efficacia degli interventi.

[views]

Viva gli anziani, risorsa per la citt

Viva gli anziani, risorsa per la citt

Intervista di Lorenzo Vita per L’inchiesta dell’8 ottobre 2019

In italia si sta assistendo ad un aumento dell’et? demografica, questo fenomeno caratterizza anche il nostro territorio?

Ovviamente si ma non dobbiamo vedere questo come una disgrazia. Se sapremo trasformare questo in un’opportunit?, valorizzando le potenzialit? degli anziani allora potremo far crescere il bene comune. La sfida pi? grande sta nel trasferimento di valori, esperienze e saperi alle nuove generazioni. Serve una visione nuova nella quale gli anziani possano essere protagonisti attivi del benessere collettivo. A tutte le et? si pu? studiare, lavorare, organizzare, amare, viaggiare. Ciascuno secondo le proprie possibilit?, certo, ma gli anziani non sono un problema per la societ?, sono una risorsa, a patto di organizzare con loro spazi di protagonismo.

Quali sono le preoccupazioni e i problemi principali che condizionano gli anziani in difficolt? e che il suo Assessorato si trova ad affrontare?

Certo bisogna considerare poi la fragilit? degli anziani soli, la non autosufficienza, l’incapacit? dei servizi pubblici di dare risposte vere e non palliativi. E qui si aprono spazi interessanti per una collaborazione tra pubblico, privato e volontariato. I pi? svegli da questo punto di vista parlano di silver economy ovvero un’economia che ruota intorno ai bisogni degli anziani che, se gestita in maniera non profit o, al limite low profit, potrebbe dare luogo a quel welfare misto che ? l’unica risposta possibile di fronte alla mancanza di risorse pubbliche. Assistenza domiciliare, teleassistenza, co-housing sono risposte possibili per le quali vogliamo attivarci al pi? presto. Alcuni servizi sono gi? erogati dal Consorzio dei Servizi sociali ma vanno incrementati.

Quanto ? importante il ruolo dei centri anziani in questo?

I Centri Anziani sono le prime antenne del Comune nel mondo della terza et?, si occupano di invecchiamento attivo attraverso l’organizzazione di tante attivit?: gite, cene sociali, corsi di formazione, sport, attivit? ricreative e molto altro. Ma secondo me devono fare un salto di qualit?: affrancarsi dalla dipendenza dal Comune e trasformarsi ciascuno in Associazione di Promozione Sociale, in modo da poter accedere ai contributi della Regione riservati alle APS, da poter erogare servizi ai propri associati e sviluppare progetti di protagonismo vero. Pensate ad un servizio semplice come la possibilit? per due anziani soli di andare a vivere insieme e magari condividere la badante: si risparmiano molti soldi dividendo le spese ma soprattutto migliora la qualit? della vita. La cosa pi? logica per me ? che gli anziani si possano organizzare e gestire autonomamente un servizio di questo tipo. Ma ? solo un esempio. Nei Centri Anziani c’? un capitale da rimettere in circolo a beneficio dell’intera collettivit?. Possono diventare dei Centri di Servizio importantissimi.

Quali sono i progetti gi? realizzati e che attiverete in futuro?

Abbiamo molte attivit? che i ragazzi del servizio civile promuovono all’interno dei 4 centri, stiamo per lanciare un ciclo di incontri formativi in collaborazione con la ASL sulla corretta alimentazione, stiamo ripartendo un piccolo fondo economico per le spese di gestione, stiamo programmando un corso con il Centro Servizi al Volontariato di Frosinone per i responsabili della gestione dei centri. Ho in testa soprattutto 3 obiettivi: il primo ? organizzare un servizio di teleassistenza e di monitoraggio degli anziani soli e fragili nel quale siano gli anziani nel pieno delle loro forze ad organizzare e gestire il servizio, il secondo ? l’universit? popolare della terza et? da gestire in rete fra i 4 centri anziani e con la collaborazione degli studenti dell’Universit? di Cassino e il terzo ? riaprire il centro anziani di San Bartolomeo.

Domenica ci sar? la “Festa dei nonni”, ci parli dell’evento

Sar? una festa della Famiglia perch? dire nonni vuol dire dire nipoti, bambini e momenti di gioia. Ci saranno giochi, animazione, musica e divertimento. Voglio ringraziare tutti coloro che hanno sostenuto l’organizzazione dell’evento, innanzitutto il Centro Anziani che ha promosso l’iniziativa, tutte le organizzazioni che porteranno un contributo l’animazione della giornata e soprattutto gli sponsor senza i quali questa giornata non si sarebbe potuta realizzare. Fare festa insieme fa bene alla citt? e dedicare una giornata ai nonni significa riconoscere la funzione straordinaria che hanno nella costruzione solidale della nostra societ?.

L’inchiesta, 8 ottobre 2019
Festa dei nonni, festa della famiglia

Festa dei nonni, festa della famiglia

Ecco come ? possibile conciliare coesione sociale, promozione turistica e sviluppo commerciale

Grande soddisfazione ? stata espressa da tutti per l?ottima riuscita della Festa dei nonni, organizzata dal Comune di Cassino, Assessorato alla Coesione sociale, attraverso il Centro Anziani di Corso della Repubblica.
?Ringrazio tutti gli organizzatori ed i partner per il lavoro svolto, pienamente in sintonia con l?intenzione della nostra Amministrazione – dichiara l?Assessore Luigi Maccaro – di valorizzare gli anziani come risorsa irrinunciabile per le famiglie e per la citt?. I nostri Centri Anziani sono motori propulsori di iniziative che sostengono l?invecchiamento attivo, promuovono socialit? contro la solitudine. In collaborazione con Asl e Universit? stiamo realizzando percorsi di promozione della salute dedicati in maniera specifica alla terza et??.
Tutta la Giunta ? impegnata per rilanciare l?immagine di una citt? all?altezza della propria storia e lo sforzo ? unanime, malgrado le difficolt? economiche dovute al dissesto finanziario.
?Sono molto soddisfatto – ha aggiunto il Sindaco Enzo Salera – per la riuscita dell?evento. Stiamo lavorando per aumentare la frequenza di questi appuntamenti perch? il centro della citt? deve essere vivo e ricco di appuntamenti che consentano alle persone, alle famiglie, ai visitatori di godere della bellezza di stare insieme con spensieratezza. E, perch? no, fare shopping o consumare nei tanti locali che abbiamo lungo il Corso della Repubblica. Ecco come ? possibile conciliare coesione sociale, promozione turistica e sviluppo commerciale?.
L?evento ? stato realizzato anche grazie alla collaborazione di alcuni sponsor che hanno sostenuto l?organizzazione.?Da tanto tempo non si vedeva pi? il centro citt? animato in modo cos? bello e professionale – racconta uno dei commercianti dell?Associazione Duepuntozero che hanno contribuito alla realizzazione dell?evento -. E? cos? che ci piacerebbe vivere il centro citt? tutti i fine settimana e siamo certi che con la collaborazione di tutti, imprese e istituzioni questo ? possibile. Con la festa dei nonni l?abbiamo dimostrato?.
Non solo famiglie a passeggio per la citt? ma anche molti turisti che dopo la visita all?Abbazia approfittano per visitare la nostra citt?.
?Ero di passaggio – scrive sui social una turista – dopo la visita all’Abbazia sono venuta in citt? e ho assistito allo spettacolo, dall’inizio alla fine. Mi si vede nelle foto!!!! Bravi!!!!!!?
Alla manifestazione presenti molte associazioni tra cui l?UNICEF con i lavori fatti dai bambini delle scuole per i propri nonni mentre il parroco della Chiesa di Sant?Antonio, don Benedetto Minchella, non ha fatto mancare la propria benedizione.

Adesione al progetto PUOI per l?inserimento lavorativo per cittadini extracomunitari

Adesione al progetto PUOI per l?inserimento lavorativo per cittadini extracomunitari

L?Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro ha promosso il progetto PUOI (Protezione Unita a Obiettivo Integrazione) attraverso il quale finanzia percorsi di integrazione socio-lavorativa per titolari di protezione internazionale e umanitaria, titolari di permesso di soggiorno e cittadini stranieri entrati in Italia come minori non accompagnati e regolarmente soggiornanti ma disoccupati.

I percorsi di integrazione socio-lavorativa si basano sullo strumento della ?dote individuale?, con la quale ? insieme ad una dotazione monetaria ? viene garantita l?erogazione di una serie di servizi di supporto alla valorizzazione e sviluppo delle competenze, all?inserimento socio-lavorativo e all?accompagnamento verso l?autonomia (formazione on the job, tirocinio), attraverso la costruzione di Piani di Azione Individuali.

?L?integrazione ? ormai un obiettivo per la nostra societ? e va intesa anche come dovere morale?, sottolinea Luigi Maccaro, Assessore alla Coesione sociale con delega all?Integrazione. ?In molte situazioni, anche sul nostro territorio, sono proprio gli extracomunitari a risolvere i problemi di carenza di manodopera locale, a consentire lo sviluppo delle imprese e a rilanciare l?economia. Ma il discorso non ? solo economico. Il dialogo con altre culture, religioni e minoranze rappresenta un valore aggiunto, anche in termini di apporto di professionalit? e nuove capacit?, che ? sempre di grande importanza, anche nei servizi di prossimit? che vengono erogati per migliorare la qualit? di vita delle persone?.

Il Vice Sindaco, Francesco Carlino, questa mattina ha firmato l?adesione al progetto del Comune di Cassino che, in qualit? di soggetto ospitante, potr? inserire fino a 18 persone: ?Come tutti sanno ? ha sottolineato Carlino ? il Comune ha una gravissima carenza di personale. Questo progetto pu? essere una grande opportunit? per supportare i vari settori dell?Amministrazione ed avere un rilancio in termini di operativit??. Il progetto prevede 6 mesi di lavoro retribuito presso i vari Settori dell?Amministrazione comunale, scelti in base al profilo dei candidati. Il compenso ? di 500 euro al mese.

La documentazione pu? essere presentata entro il 22 settembre allo sportello dell?Assessorato alle Politiche sociali e deve comprendere la copia del permesso di soggiorno (di almeno 2 anni), l?iscrizione all?ufficio di collocamento, la tessera sanitaria, il codice fiscale ed un documento di identit? valido.

Workshop sulle politiche sociali legate all?integrazione di cittadini di provenienza straniera

Workshop sulle politiche sociali legate all?integrazione di cittadini di provenienza straniera

Piena soddisfazione per la buona riuscita del workshop sulle politiche sociali legate all?integrazione di cittadini di provenienza straniera che si ? svolto il 25 luglio presso la Sala Restagno del Comune di Cassino.

Pochi discorsi, quelli essenziali, e tanto lavoro, gomito a gomito nei gruppi formati da operatori del Comune, dell?Universit?, della Asl e delle cooperative.

?La nostra Amministrazione ? ha detto il Sindaco, Enzo Salera, che con i suoi saluti ha aperto i lavori ? considera la coesione sociale una priorit? perch? ? la base della convivenza fra i cittadini, a prescindere dalla loro provenienza, a maggior ragione quando si tratta di persone che scappano da paesi dove la dignit? umana non esiste pi??.

Lo ha seguito Luigi Maccaro che ha presentato ampiamente la visione del suo Assessorato in relazione al fenomeno migratorio: ?Alcuni considerano le migrazioni una minaccia speculandoci sopra a fini elettorali. Per noi rappresentano un fenomeno del tutto normale perch? l?uomo si ? sempre spostato ma soprattutto un?opportunit? perch? attraverso l?accoglienza, quella fatta bene!, ci rimette in contatto con quella nostra umanit? che sembra si vada smarrendo e, attraverso l?integrazione, arricchisce la nostra societ? di nuove culture, di forza lavoro e di iniziative imprenditoriali e di figli visto che gli italiani stanno rinunciando a farne?.

Dopo il saluto del dott. Lucio Maciocia della Asl di Frosinone, i lavori sono entrati nel vivo con la presentazione dei partecipanti, con gli interventi della dott.ssa Monica La Saponara sui temi dell?innovazione sociale e della prof.ssa Alessandra Sannella dell?Universit? di Cassino che ha coordinato l?intera giornata.

Grande entusiasmo tra i partecipanti che hanno presentato i risultati della giornata utilizzando cartelloni e pennarelli. Uno stile di lavoro molto innovativo ed efficace grazie alla collaborazione con il Laboratorio di Sociologia del prof. Maurizio Esposito. Tante le proposte che ora verranno sintetizzate e rese disponibili sui canali web dell?Assessorato.
Intanto dalla Regione Lazio ? arrivata la notizia che sar? finanziata una seconda annualit? del progetto che partir? a settembre e che permetter? a tante persone di origine straniera di continuare ad avere nel Comune un riferimento certo per le problematiche relative all?inserimento sociale.

Ottimo anche il lavoro di squadra con Asl e Universit? che hanno preannunciato un ciclo di quattro incontri formativi che prender? il via il prossimo 16 ottobre sui temi della coesione sociale e dell?integrazione socio sanitaria.

Insomma un evento ben riuscito grazie alla collaborazione di tutto il personale dell?Assessorato ma soprattutto grazie alla Cooperativa L?Arca che ha gestito il progetto.

Ora il Comune e il Terzo Settore sono un po? pi? vicini.

La coesione sociale ? la nostra prospettiva

La coesione sociale ? la nostra prospettiva

Intervista a Luigi Maccaro raccolta da Stefano Di Scanno, Direttore de L?Inchiesta.

Com?? stato l?impatto con la pubblica amministrazione dopo tanti anni nel privato sociale?

Affascinante! Ho trovato tante persone che lavorano con impegno, passione e professionalit? con le quali mi sono trovato subito a mio agio. I problemi sono tanti, le risorse poche ma non ci si scoraggia. In questi giorni sto cercando di ascoltare il pi? possibile tutti per conoscere la situazione ma soprattutto per confrontarmi sulle prospettive possibili: progettare insieme ? la strada maestra per passare dalla gestione delle emergenze ad una visione competente e partecipata di un Assessorato che sia capace di valorizzare le risorse del territorio, persone e organizzazioni.

Quali sono le cose che ti preoccupano di pi??

Senz?altro alcune situazioni che riguardano minori appartenenti a nuclei familiari in difficolt? sociale ed economica. Ci sono delle vere e proprie emergenze che ci danno la misura di quanto, da troppo tempo, non si riesca pi? a fare prevenzione. Poi c?? l?emergenza abitativa sulla quale abbiamo aperto un fronte di collaborazione molto interessante con l?Ater. Presto ci saranno dei loro funzionari presso la casa comunale per rispondere direttamente agli inquilini. Sono in corso gli espletamenti necessari al reperimento di nuovi alloggi che potrebbero essere disponibili gi? nei prossimi mesi. Ci sono progetti di housing sociale sui quali contiamo moltissimo. La casa ? garanzia di dignit? per le persone ed ? una delle nostre principali preoccupazioni.

E i progetti in cantiere?

Credo sia necessario attivare un servizio di consulenza psicopedagogica per supportare le famiglie in difficolt? per quanto riguarda le responsabilit? genitoriali con l?obiettivo di scongiurare il pi? possibile il collocamento in struttura dei minori. Abbiamo intenzione di rilanciare l?affido familiare attraverso un corso di formazione che attiveremo entro l?autunno. La prossima settimana far? visita ai ?ragazzi? dei quattro Centri Sociali per gli Anziani di Cassino con l?intento di conoscere i problemi ma soprattutto di promuovere le potenzialit? ed il protagonismo di queste realt? che hanno tantissimo da dare alla citt?. Con l?apertura delle scuole, insieme a Concetta Tamburrini, Assessora all?Istruzione, rilanceremo l?idea del Consiglio comunale dei Giovani affinch? abbiano spazio istituzionale per promuovere il protagonismo delle nuove generazioni.

Come saranno i rapporti con il volontariato? Ci sar? finalmente la consulta tanto attesa dalle onlus?

Devo dirti che pi? che consultare il volontariato mi interessa lavorarci insieme. Vorrei che nei locali dell?Assessorato le associazioni si sentissero a casa loro. Certo, ci saranno i tavoli tematici permanenti per l?analisi dei bisogni e la condivisione delle strategie, ma soprattutto ci saranno dei gruppi di lavoro e co-progettazione anche con il coinvolgimento di altri assessorati. Abbiamo preparato una bozza di regolamento per promuovere i rapporti fra l?amministrazione ed il Terzo settore, anche alla luce della recente riforma. Ci sar? una fase di riflessione comune affinch? la stesura finale possa avere la pi? ampia condivisione possibile e poi si passer? in Consiglio Comunale per l?approvazione. Ma abbiamo gi? iniziato a lavorare insieme.

Dalla minoranza sollecitano il Sindaco su un argomento che ti ? molto caro: i negozi di cannabis. La tua posizione ? nota ma come intendi muoverti sull?argomento?

Si usano certi argomenti in maniera strumentale solo per fare polemica ma almeno su questo posso dire con certezza di avere le idee molto chiare. La questione dei negozi di cannabis ? ampiamente dibattuta a livello nazionale ed ? sciocco pensare che l?Amministrazione comunale possa assumere provvedimenti per dare seguito ad una sentenza della Cassazione: sono materie su cui il Comune non ha alcuna competenza. Piuttosto stiamo lavorando per dare vita ad un gruppo di lavoro che coinvolga Asl, Universit?, Scuole e Privato sociale capace di dare vita ad un Piano di prevenzione comunale sul disagio giovanile. ? un obiettivo molto ambizioso soprattutto se si considera che non ci sono risorse economiche dedicate ma a Cassino ci sono tante persone fortemente motivate e sono sicuro che entro l?autunno metteremo in campo le prime azioni.

Un altro tema scottante ? quello dell?immigrazione, come pensi di affrontare questa nuova frontiera?

Per me la presenza di cittadini di origine straniera rappresenta una grande risorsa ed una grande opportunit?: in Italia gli immigrati lavorano, pagano le tasse, creano imprese che danno lavoro, hanno grande voglia di affermarsi e sanno che devono guadagnarsi tutto. Vorrei che le politiche di integrazione fossero caratterizzate il pi? possibile dal principio della reciprocit? affinch? anche noi possiamo scoprire la cultura e il fascino di mondi e di esperienze prima lontane. Ci sono comunit? e associazioni che spero di incontrare al pi? presto per progettare insieme momenti di condivisione aperti alla citt? ma anche risposte ai bisogni di coloro che ancora non hanno trovato una condizione di vita dignitosa per mancanza di una casa, di un lavoro o per la lontananza dalla famiglia di origine. Dobbiamo imparare a guardare negli occhi queste persone, a scambiarci il racconto delle nostre storie, dobbiamo capire, come ? gi? evidente in tutto il mondo civile, che il colore della pelle non fa la differenza tra le persone che hanno esattamente gli stessi diritti e gli stessi doveri.

Ultima domanda: da dove hai tirato fuori il nome Assessorato alla Coesione sociale?

Ho provato a dare una cornice di senso alle deleghe ricevute dal Sindaco: politiche sociali, politiche giovanili, integrazione e periferie. L?Assessorato deve fornire servizi ai cittadini, come ha sempre fatto, ma non si esaurisce tutto l?. La vera rivoluzione sta nel comprendere che la responsabilit? della tenuta della citt? ? di tutti e solo se saremo capaci di una coesione vera potremo dare risposte che vadano oltre le poche possibilit? che oggi hanno i comuni. Dieci anni di crisi economica hanno sfiancato tutti, c?? poca fiducia nel futuro, avvilimento generale, lo spettro della disoccupazione che genera ansia, depressione, disagio sociale. Allora bisogna fare un?opera di ricucitura del tessuto sociale, partendo dagli ultimi ma coinvolgendo tutti gli strati sociali, scommettendo sulla solidariet? come atteggiamento di fondo e sul senso civico di tutti coloro che si riconoscono in un destino comune. In questi pochi primi giorni di Assessorato, ho gi? ricevuto tantissime disponibilit? alla collaborazione da parte di professionisti, imprese, associazioni che non vedono l?ora di mettersi al fianco di un nuovo modo di fare politica. Ecco, vorrei che la coesione sociale fosse la vera mission di questa esperienza amministrativa.